Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La litispendenza comunitaria

Questo lavoro ha ad oggetto l’istituto della litispendenza comunitaria, disciplinato un tempo all’art. 21 Convenzione di Bruxelles del 1968, sulla competenza giurisdizionale e il riconoscimento delle decisioni e ora all’art. 27 Reg. 44/2001.
Le decisioni delle Corte di Giustizia relative alla litispendenza comunitaria , che hanno contribuito a delinearne le linee essenziali, alcune in maniera assolutamente innovativa, sono oggetto di un’analisi volta in modo particolare a ricercarne i nessi sistematici. Particolare attenzione è rivolta alle sentenze relative all’identità delle cause e alla difficile conciliabilità che in questo campo si riscontra tra le più recenti decisioni (Gantner e Mærsk) e i più risalenti precedenti (Gubisch e Tatry).
Nel lavoro, inoltre, si propone un’ipotesi ricostruttiva della litispendenza comunitaria differente rispetto a quella elaborata dalla Corte di Giustizia, utilizzandola poi nella soluzione dei vari problemi interpretativi e applicativi posti dall’art. 27 Reg. 44/2001.

Mostra/Nascondi contenuto.
37 CAPITOLO III LA RATIO DELL’ART. 27 REG. 44/2001 La Corte di Giustizia si pronunciò sulla ratio litispendenza comuni- taria nella sentenza Gubisch 1 , in sede di interpretazione dell’art. 21 dell’allora vigente Convenzione di Bruxelles. In tale decisione affermò che l’art. 21, congiuntamente all’art. 22, che disciplinava la fattispecie della connessione di cause, aveva lo scopo di evitare procedimenti paralleli pendenti dinanzi ai giudici di diversi Stati contraenti e il contrasto di decisioni che ne sarebbe po- tuto risultare. Pertanto, questa disciplina era “volta ad escludere, per quanto possibile e sin dall’inizio, una situazione come quella con- templata all’art 27, punto 3 [scil. della Convenzione di Bruxelles], e cioè il mancato riconoscimento di una decisione in quanto contra- stante con una decisione resa tra le medesime parti nello Stato ri- chiesto” 2 . 1 CGCE, 8.12.1987, Gubisch Maschinenfabrick AG c. Giulio Palumbo, C-144/86, in Racc. giur. CGCE 1987, 4861. 2 CGCE, 8.12.1987, Gubisch Maschinenfabrick AG c. Giulio Palumbo, C-144/86, cit., § 8.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Luca Penasa Contatta »

Composta da 463 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5344 click dal 18/09/2006.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.