Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli obiettivi occupazionali della strategia di Lisbona: un'analisi a livello italiano e regionale, verso il 2010

Partendo dagli obiettivi occupazionali designati dall'Unione Europea nel 2000 (e da raggiungere idealmente entro il 2010), si va ad analizzare la situazione a metà strada, cercando di fare delle previsioni per il medio-lungo termine. L'analisi è fatta almeno su 3 livelli: dapprima su tutti gli stati dell'Ue-25, poi sulla penisola italiana e in terzo luogo sulla regione Friuli Venezia Giulia e sulle province friulane.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 CAPITOLO PRIMO INTRODUZIONE 1. PIANO DI LAVORO In questo lavoro l’obiettivo sarà fornire una panoramica della situazione del mercato del lavoro nell’Unione Europea, in Italia e nel Friuli Venezia Giulia, prendendo come documento base il “National Reform Programme” (“Piano per l’Innovazione, la crescita e l’Occupazione” o PICO, nella sua versione italiana) del 2005 e i “Piani Nazionale d’Azione sull’Occupazione” (NAP) del 2004. Importante è ricordare che il NAP, pur essendo un documento che è stato sostituto totalmente dal “National Reform Programme”, mantiene una notevole importanza storica e non come documento del mondo del lavoro. Inoltre, le 10 guideline proposte dall’Unione Europea, che erano gli autentici capisaldi del NAP, rimangono attuali e saranno ampiamente studiate nell’elaborato. Fondamentale sarà, nel lavoro, il richiamo alla cosiddetta “Strategia di Lisbona” (di cui si parlerà tra breve), che nasce da un Consiglio Europeo tenutosi a Lisbona nel marzo 2000, e punta a favorire l'occupazione, lo sviluppo economico e la coesione sociale nell’Unione Europea, in un contesto economico fondato sulla conoscenza. Il lavoro si svilupperà su più piani: in primo luogo si elencheranno i fondamentali concetti del mercato del lavoro, che saranno utili per tutto l’elaborato. Il primo capitolo risulterà, quindi, molto didascalico e poco originale ma sarà la base su cui costruire il seguito.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Davide Di Fant Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3045 click dal 19/09/2006.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.