Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il teatro di narrazione, tra impegno civile e memoria collettiva

Con il termine Teatro di Narrazione si intende un complesso genere teatrale definitosi sul finire degli anni ’80, attraverso un processo inventivo che ha provocato una morbida spezzatura sia, da una parte dal teatro sperimentale nel quale si collocano le sue origini contemporanee e sia d’altra parte dal teatro “classico”. Nasce come soluzione a nuovi problemi legati alla scena che, diversi talenti, con altrettanti diversi stili e motivazioni hanno adottato per venire incontro ad esigenze di carattere drammaturgico e tematico. I protagonisti di questo filone sono quegli attori che si sono trovati ad essere solitari in scena, che firmano i loro spettacoli dal testo alla regia, che raccontano storie vere o immaginarie oppure legate alla tradizione ma senza mai perdere di vista il concetto di memoria collettiva nella quale sono ben sedimentate. La costruzione del testo avviene sulla base di lunghe ricerche di stampo antropologico o giornalistico o sociologico, che con i loro lavori svolgono una funzione di denuncia, di protesta, di rivelazione o di educazione e memoria civile. È questo il tema della mia trattazione, che vuole definire, partendo dall’analisi di tre dei più autorevoli esponenti (Marco Baliani, Ascanio Celestini e Marco Paolini), un fenomeno socio-culturale specificamente italiano. Nel mio lavoro ho esaminato il teatro di narrazione partendo dalle sue radici storiche: dal Giullare Medievale fino al teatro epico di Brecht e la giullarata medievale di Dario Fo che,pur non utilizzando le tecniche stilistiche e drammaturgiche proprie del moderno teatro di narrazione ne sono considerati, in buona sostanza, i padri putativi. Successivamente , il lavoro verterà su una approfondita analisi, attraverso lo studio dei testi e di alcune interviste, di quegli autori che hanno fatto dell’affabulazione un “genere”, artefici di uno stile personale, e portatori di un linguaggio che, seppur eterogeneo ritrova una matrice comune dentro il concetto di Teatro di Narrazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Con il termine Teatro di Narrazione si intende un complesso genere teatrale definitosi sul finire degli anni ’80, attraverso un processo inventivo che ha provocato una morbida spezzatura sia, da una parte dal teatro sperimentale nel quale si collocano le sue origini contemporanee e sia d’altra parte dal teatro “classico”. Nasce come soluzione a nuovi problemi legati alla scena che, diversi talenti, con altrettanti diversi stili e motivazioni hanno adottato per venire incontro ad esigenze di carattere drammaturgico e tematico. I protagonisti di questo filone sono quegli attori che si sono trovati ad essere solitari in scena, che firmano i loro spettacoli dal testo alla regia, che raccontano storie vere o immaginarie oppure legate alla tradizione ma senza mai perdere di vista il concetto di memoria collettiva nella quale sono ben sedimentate. La costruzione del testo avviene sulla base di lunghe ricerche di stampo antropologico o giornalistico o sociologico, che con i loro lavori svolgono una funzione di denuncia, di protesta, di rivelazione o di educazione e memoria civile. È questo il tema della mia trattazione, che vuole definire, partendo dall’analisi di tre dei più autorevoli esponenti (Marco Baliani, Ascanio Celestini e Marco Paolini), un fenomeno socio-culturale specificamente italiano. Nel mio lavoro ho esaminato il teatro di narrazione partendo dalle sue radici storiche: dal Giullare Medievale fino al teatro epico di Brecht e la giullarata medievale di Dario Fo che,pur non utilizzando le tecniche stilistiche e drammaturgiche proprie del moderno teatro di narrazione ne sono

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Valentina Di Berardino Contatta »

Composta da 64 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7985 click dal 21/09/2006.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.