Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La politica fiscale in Europa: fondamenti e critiche

Negli ultimi anni si è aperto un dibattito molto aspro in economia, quello sul Patto di Stabilità e Crescita, da molti ritenuto il responsabile principale della mancata crescita e competitività dell’economia europea rispetto a quella del resto del mondo. Questo dibattito è sfociato in una riforma del Patto nel Consiglio europeo di Bruxelles del 22-23 marzo 2005.

In questo lavorò ho tentato di analizzare i motivi che hanno spinto i paesi europei a firmare questo parto, partendo da un'analisi storica per passare ad analizzare i fondamenti teorici alla base del patto e quindi gli obiettivi che i promotori del Patto di Stabilità e Crescita si erano proposti di raggiungere. In seguito ho analizzato la situazione economica dell' Europa e dell' Italia in seguito all' applicazione del Patto analizzando le princilali linee critiche mossegli e le principali proposte di riforma susseguitesi negli anni.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Negli ultimi anni si è aperto un dibattito molto aspro in economia, quello sul Patto di Stabilità e Crescita, da molti ritenuto il responsabile principale della mancata crescita e competitività dell’economia europea rispetto a quella del resto del mondo. Questo dibattito è sfociato in una riforma del Patto nel Consiglio europeo di Bruxelles del 22-23 marzo 2005. In questo lavoro tenterò di analizzare, in un primo momento i motivi che hanno spinto alcuni paesi europei a firmare questo Patto, per poi passare alle critiche che lo hanno accompagnato e alle varie proposte di riforma che si sono susseguite negli anni, fino ad arrivare alla riforma appena conclusa. Il Patto di Stabilità e Crescita è uno dei pilastri che sostengono la struttura dell’Unione Economica e Monetaria. Il Patto nasce da una trasformazione dei criteri di convergenza del trattato di Maastricht in regole in grado di garantire la disciplina di bilancio nell’area dell’Unione Europea. I criteri di Maastricht servivano a far convergere le economie dei dodici stati membri in modo da avere una moneta unica. Mentre il Patto di Stabilità e Crescita è nato come un sistema di salvaguardia delle finanze statali e come un mezzo per fortificare le condizioni per la stabilità dei prezzi e per portare ad una crescita forte e sostenibile e alla creazione di lavoro. La ragione che ha spinto gli stati membri a firmare il Patto è di evitare che i paesi

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Enrico Volpicelli Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3950 click dal 21/09/2006.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.