Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cessione del credito a scopo di garanzia

La tesi ha avuto ad oggetto la cessio in securitatem, uno strumento normalmente ricondotto nel novero delle garanzie atipiche, che, nonostante il silenzio serbato su una sua generale ammissibilità, è divenuto ampiamento utilizzato dagli istituti bancari nell'ambito delle operazioni di finanziamento garantito.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I LA CAUSA DELLA CESSIONE DEL CREDITO. AMMISSIBILITA’ E VALIDITA’ DELLA CESSIONE DEI CREDITI A SCOPO DI GARANZIA SOMMARIO: 1. La cessione del credito a scopo di garanzia: una particolare fattispecie di cessione del credito. – 2. Astrattezza e causalità della cessione del credito. – 3. La causa del trasferimento ed il problema dell’autonomia negoziale nella cessione del credito. – 4. Idoneità della causa di garanzia a sorreggere il trasferimento dei crediti. – 5. La cessione del credito a scopo di garanzia e il divieto del patto commissorio. – 6. Tentativi di qualificazione della cessione del credito in garanzia: il negozio indiretto e la tradizionale tesi del negozio fiduciario. 1. La cessione del credito a scopo di garanzia: una particolare fattispecie di cessione del credito. E’ ormai un dato universalmente riconosciuto che il mutamento nella titolarità del credito, oltre a rispondere ad esigenze da sempre avvertite nella prassi, sia un fenomeno reso possibile dalla particolare attitudine del bene-credito 1 ad essere liberamente trasferito 2 . L’affermazione di una libera trasferibilità di situazioni creditorie trova conforto nel dato normativo che, agli articoli 1260 ss. c.c., disciplina uno 1 Cfr. D. PASTORE, Riflessioni a proposito di struttura e causa della cessione del credito, in Riv. dir. comm.,1998, I, p. 63, in cui l’Autore sottolinea che <<in un primo significato il credito indica la posizione attiva del rapporto obbligatorio, ovvero il diritto soggettivo del creditore (diritto di credito); in un secondo significato esso è visto come un bene, ovvero come porzione del patrimonio del creditore>>. Sul credito come bene, v.: B. BIONDI, I beni, in Tratt. dir. civ. it., diretto da Vassalli, 2° ed., Torino, 1953, p. 15; S. PUGLIATTI, voce Beni, in Enc. dir., V, Milano, 1959, pp. 187-188; M. GIORGIANNI, voce Credito e creditore, in Noviss. dig. it., IV, Torino, p. 1111; G. PANZARINI, Lo sconto dei crediti e dei titoli di credito, Milano, 1985, p. 264 ss. 2 Cfr. G. BAVETTA, La cessione di credito a scopo di garanzia, in Dir. fall., 1995, I, pp. 588- 589.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Erika Braido Contatta »

Composta da 211 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5068 click dal 26/09/2006.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.