Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'assessment e la riabilitazione pragmatico funzionale nel paziente con trauma cranico e afasico

il lavoro è una descrizione di un particolare percorso riabilitativo visto dal punto di vista pragmatico funzionale di pazienti afasici in seguito a trauma cranico encefalico.
il lavoro si sofferma anche sulla descrizione di alcuni test somministrati sia nella fase pre che post riabilitativa.

Mostra/Nascondi contenuto.
II Introduzione Il presente lavoro, nato dall’inaspettata scoperta dell’affascinante e attuale mondo della neuropsicologia, si è inserito nella ricerca attualmente in atto in collaborazione tra la Dottoressa M. Zettin e la Fondazione “Carlo Molo” e in modo particolare col Dottor A. Giachero. La Fondazione Carlo Molo di Torino si occupa di studiare e attuare un intervento che contribuisca al miglioramento della qualità di vita di soggetti con deficit cognitivi acquisiti, soprattutto afasici. Elemento centrale che tale Fondazione affronta con la ricerca è il cambiamento, subentrato in seguito a patologie vascolari (ictus, emorragie cerebrali, trauma cranico, etc.); cambiamento cognitivo, esistenziale, familiare, relazionale e sociale, che non permette più di vivere come prima e richiede quindi un adattamento alla nuova condizione verificatasi. Elemento fondamentale è quello di programmare un intervento terapeutico che tenga conto della specificità individuale di ogni soggetto afasico: in che fase della malattia si trova (acuta o cronica), come incide il cambiamento cognitivo nella storia personale e familiare, quali sono le aspettative e i desideri del soggetto e quali sono le risorse a disposizione. Tale intervento terapeutico si basa su adeguati strumenti psicologici, diagnostici e di osservazione ed è concordato, con i soggetti e i familiari, è adatto sia alla situazione clinica e neuropsicologica, sia agli obiettivi esistenziali del soggetto. La Dott.ssa Zettin si occupa di tutti i possibili deficit presenti in pazienti in seguito a trauma cranico e i diversi approcci riabilitativi che è possibile attuare. La ricerca che fa da base al seguente lavoro ha come obiettivo la riabilitazione di un gruppo di paziente cerebrolesi e afasici seguendo quella che è l’ottica pragmatico- funzionale della riabilitazione ed ha seguito le seguenti fasi: 1. Conoscenza della storia anamnestica del paziente; 2. Assessment multidimensionale con somministrazione di test: AAT, LAIACONA, CAPPA, BECK’S, V.A.S.E.S. e WHOQOL. 3. Training riabilitativo: addestramento prima in coppia (situazione PACE) poi in gruppo con l’aiuto di due facilitatori (Cooperative Group Learning);

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Maria Di Paola Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5243 click dal 27/09/2006.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.