Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il marketing sportivo: il caso della provincia di Lecce

analisi del marketing sprortivo in generale e nei sotto mercati di mass market e business market.breve introduzione al co-marketing sportivo e analisi del rapporto provincia di Lecce e sport in riferimento alla costituzione del marchio Salento d'amare

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE La parola “Sport” dal termine francese “Diport” ci rimanda ad una concezione di diletto e di svago che le pratiche sportive dovrebbero perseguire. Sin dall’antichità il ruolo dello sport è stato considerato importante nella vita degli uomini. Nel mondo greco lo sport assunse un valore fondamentale come pratica di esercizio fisico lontano da ogni finalità pratica o di lucro: componente essenziale era il valore fisico che si manifestava nelle gare atletiche, soprattutto nei giochi olimpici, giochi panellenici che si celebravano ogni quattro anni nelle sedi dei più celebri santuari. I più antichi giochi furono istituiti ad Olimpia, in onore di Zeus nel 776 a.C.; in tali occasioni tutte le guerre subivano una tregua e tutte le stirpi greche più disparate riacquistavano la coscienza dell’unità nazionale. Erodoto, in un famosa passo, evidenzia che la pratica sportiva riusciva ad infondere la virtù nell’uomo; lo sport, quindi, rappresentava la sublimazione della forza fisica, era dimostrazione di coraggio e di lealtà. Il prestigio che le vittorie davano agli atleti era grandissimo, perché i vincitori erano visti come eroi, le cui vittorie erano cantate dai poeti o ricordate nei gruppi scultorei. L’ atleta, cinto di un ramoscello intrecciato come una corona, premio simbolico della vittoria, una volta ritornato nella sua città, poteva rivestire anche cariche importanti nella vita sociale della città-Stato di appartenenza. Le condizioni per poter gareggiare erano essenzialmente tre: 1) appartenere alla polis. 2) non aver commesso colpe gravi 3) giurare il rispetto delle regole.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Silvia Penta Contatta »

Composta da 44 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2296 click dal 03/10/2006.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.