Skip to content

Nuove imprese e sviluppo economico. Il caso italiano nel panorama internazionale.

Informazioni tesi

  Autore: Enrico Tamellini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Legislazione per l'Impresa
  Relatore: Angelo Zago
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 207

Negli ultimi anni, l’affermarsi di un sempre più esteso ed inarrestabile processo di globalizzazione e la comparsa sulla scena economica mondiale di nuovi colossi quali la Cina e l’India, ha fatto sì che in Europa si sia registrata una diminuzione della crescita della produttività. Questo rallentamento, accompagnato da uno scarso incremento dell’occupazione (che rimane ben al di sotto dei livelli di paesi come Stati Uniti e Giappone), si è tradotto in una bassa crescita del Pil.
Un simile quadro già poco positivo si è presentato in maniera ancora più allarmante nel nostro paese, dove le piccole-medie imprese, che caratterizzano il tessuto produttivo italiano, si sono dimostrate tanto più inadeguate nel far fronte ai mutamenti strutturali che l’economia ha subito a partire dagli anni ’90. In particolare l’integrazione dei paesi in via di sviluppo nell’economia globale e la rivoluzione tecnologica nel campo dell’informatica e delle comunicazioni hanno eroso la posizione competitiva delle imprese di più ridotta dimensione, troppo piccole per sfruttare pienamente le opportunità del processo di globalizzazione e troppo carenti dal punto di vista delle risorse umane e dimensionale per trarre beneficio dalle nuove tecnologie e dall’innovazione. Tutti questi fenomeni, ai quali andrebbe aggiunto anche il processo di invecchiamento della nostra società, che richiede tassi di produttività del lavoro sempre più alti, hanno quantomeno rimesso in discussione l’effettiva competitività del sistema-Italia attraendo l’attenzione di studiosi, politici ed economisti, chiamati a delineare politiche per un necessario cambiamento di rotta. E poiché, in fondo, gli andamenti macroeconomici dipendono dal comportamento delle singole imprese, e più precisamente dall’ingresso di nuovi soggetti produttivi e dall’uscita di quelli meno adeguati dal mercato, buona parte della riflessione si è concentrata sulle cosiddette dinamiche d’impresa.
Seguendo quest’ottica, l’idea di fondo è che il rilancio di un sistema produttivo in difficoltà (come il nostro) non può che passare dalla sua capacità di creare e selezionare imprese di eccellenza, in grado di crescere e di affermarsi nel panorama internazionale, e di spostare le risorse verso i settori più innovativi e ad alti tassi di produttività, estromettendo invece dal mercato le realtà meno competitive. Le politiche pensate in questa direzione dovrebbero allora contribuire a creare le condizioni per delle dinamiche d’impresa più efficienti e selettive, non dimenticando in ogni caso il costo, non solo economico, che si associa ad ogni iniziativa imprenditoriale fallita.

Ebbene, potrebbero bastare già queste poche sintetiche righe per inquadrare in linee generali il tema principale ed il motivo ispiratore del presente lavoro. Con esso, infatti, ci si è proposto appunto di approfondire innanzitutto il ruolo dell’entrata di nuove imprese in un sistema economico, per poi inquadrare la situazione italiana in termini di demografia d’impresa (tassi di natalità, mortalità e turnover) specie nell’ambito di un confronto internazionale, chiarire le principali difficoltà della nostra economia nel selezionare e far crescere le start-up, ed individuare di conseguenza alcune politiche da porre in atto per aumentarne la competitività.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione NUOVE IMPRESE: PERCHE’ INTERESSARSENE? Quando ci si appresta ad affrontare un argomento su cui ci si soffermerà a lungo, il modo forse migliore per introdurlo è quello di illustrarne anzitutto i motivi di importanza ed interesse. Ciò con una duplice finalità; stimolare e motivare l’attenzione del lettore e fornire allo stesso tempo una griglia interpretativa per comprendere la scansione logica delle argomentazioni. Oggetto di questa tesi è lo studio del fenomeno delle nuove imprese, con particolare riferimento alla realtà italiana ma in una prospettiva di confronto internazionale. Ebbene, per quale motivo ci si dovrebbe interessare ad un simile argomento? Quali obiettivi conoscitivi ci si propone di soddisfare con il suo studio? Ed è possibile attraverso questo ottenere degli spunti per degli interventi operativi volti a migliorare la situazione esistente? Provando a rispondere a queste domande, occorre dire anzitutto che sono possibili due modi di avvicinare e di interessarsi all’argomento “nuove imprese”. Il primo, forse più immediato ed affascinante, è quello che segue un approccio che si potrebbe definire approssimativamente di tipo “microeconomico”, nel senso che ha a riguardo al singolo individuo e alla singola impresa. In questo ambito, l’obiettivo di chi si interessa di nuove imprese sarà quello di vedere come concretamente si dà avvio ad una nuova iniziativa imprenditoriale, partendo in genere da una business idea o dall’esperienza maturata in un settore. La figura del self-made man, dell’uomo che dal nulla partorisce una nuova iniziativa e con gli anni accumula denaro e soddisfazioni è senza dubbio fortemente radicata nell’immaginario collettivo e rappresenta una delle molle più forti che spingono sempre nuovi giovani ad interessarsi di economia. La realtà, ovviamente, si presenta alla prova dei fatti assai più complessa di quanto simili giochi di fascinazione possano lasciare presagire, ricca com’è di opportunità ma anche di minacce, di occasioni e allo stesso tempo di ostacoli. Allora proprio per chi fosse affascinato dalla prospettiva di avviare una futura attività in proprio, lo studio del

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi