Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuove imprese e sviluppo economico. Il caso italiano nel panorama internazionale.

Negli ultimi anni, l’affermarsi di un sempre più esteso ed inarrestabile processo di globalizzazione e la comparsa sulla scena economica mondiale di nuovi colossi quali la Cina e l’India, ha fatto sì che in Europa si sia registrata una diminuzione della crescita della produttività. Questo rallentamento, accompagnato da uno scarso incremento dell’occupazione (che rimane ben al di sotto dei livelli di paesi come Stati Uniti e Giappone), si è tradotto in una bassa crescita del Pil.
Un simile quadro già poco positivo si è presentato in maniera ancora più allarmante nel nostro paese, dove le piccole-medie imprese, che caratterizzano il tessuto produttivo italiano, si sono dimostrate tanto più inadeguate nel far fronte ai mutamenti strutturali che l’economia ha subito a partire dagli anni ’90. In particolare l’integrazione dei paesi in via di sviluppo nell’economia globale e la rivoluzione tecnologica nel campo dell’informatica e delle comunicazioni hanno eroso la posizione competitiva delle imprese di più ridotta dimensione, troppo piccole per sfruttare pienamente le opportunità del processo di globalizzazione e troppo carenti dal punto di vista delle risorse umane e dimensionale per trarre beneficio dalle nuove tecnologie e dall’innovazione. Tutti questi fenomeni, ai quali andrebbe aggiunto anche il processo di invecchiamento della nostra società, che richiede tassi di produttività del lavoro sempre più alti, hanno quantomeno rimesso in discussione l’effettiva competitività del sistema-Italia attraendo l’attenzione di studiosi, politici ed economisti, chiamati a delineare politiche per un necessario cambiamento di rotta. E poiché, in fondo, gli andamenti macroeconomici dipendono dal comportamento delle singole imprese, e più precisamente dall’ingresso di nuovi soggetti produttivi e dall’uscita di quelli meno adeguati dal mercato, buona parte della riflessione si è concentrata sulle cosiddette dinamiche d’impresa.
Seguendo quest’ottica, l’idea di fondo è che il rilancio di un sistema produttivo in difficoltà (come il nostro) non può che passare dalla sua capacità di creare e selezionare imprese di eccellenza, in grado di crescere e di affermarsi nel panorama internazionale, e di spostare le risorse verso i settori più innovativi e ad alti tassi di produttività, estromettendo invece dal mercato le realtà meno competitive. Le politiche pensate in questa direzione dovrebbero allora contribuire a creare le condizioni per delle dinamiche d’impresa più efficienti e selettive, non dimenticando in ogni caso il costo, non solo economico, che si associa ad ogni iniziativa imprenditoriale fallita.

Ebbene, potrebbero bastare già queste poche sintetiche righe per inquadrare in linee generali il tema principale ed il motivo ispiratore del presente lavoro. Con esso, infatti, ci si è proposto appunto di approfondire innanzitutto il ruolo dell’entrata di nuove imprese in un sistema economico, per poi inquadrare la situazione italiana in termini di demografia d’impresa (tassi di natalità, mortalità e turnover) specie nell’ambito di un confronto internazionale, chiarire le principali difficoltà della nostra economia nel selezionare e far crescere le start-up, ed individuare di conseguenza alcune politiche da porre in atto per aumentarne la competitività.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione NUOVE IMPRESE: PERCHE’ INTERESSARSENE? Quando ci si appresta ad affrontare un argomento su cui ci si soffermerà a lungo, il modo forse migliore per introdurlo è quello di illustrarne anzitutto i motivi di importanza ed interesse. Ciò con una duplice finalità; stimolare e motivare l’attenzione del lettore e fornire allo stesso tempo una griglia interpretativa per comprendere la scansione logica delle argomentazioni. Oggetto di questa tesi è lo studio del fenomeno delle nuove imprese, con particolare riferimento alla realtà italiana ma in una prospettiva di confronto internazionale. Ebbene, per quale motivo ci si dovrebbe interessare ad un simile argomento? Quali obiettivi conoscitivi ci si propone di soddisfare con il suo studio? Ed è possibile attraverso questo ottenere degli spunti per degli interventi operativi volti a migliorare la situazione esistente? Provando a rispondere a queste domande, occorre dire anzitutto che sono possibili due modi di avvicinare e di interessarsi all’argomento “nuove imprese”. Il primo, forse più immediato ed affascinante, è quello che segue un approccio che si potrebbe definire approssimativamente di tipo “microeconomico”, nel senso che ha a riguardo al singolo individuo e alla singola impresa. In questo ambito, l’obiettivo di chi si interessa di nuove imprese sarà quello di vedere come concretamente si dà avvio ad una nuova iniziativa imprenditoriale, partendo in genere da una business idea o dall’esperienza maturata in un settore. La figura del self-made man, dell’uomo che dal nulla partorisce una nuova iniziativa e con gli anni accumula denaro e soddisfazioni è senza dubbio fortemente radicata nell’immaginario collettivo e rappresenta una delle molle più forti che spingono sempre nuovi giovani ad interessarsi di economia. La realtà, ovviamente, si presenta alla prova dei fatti assai più complessa di quanto simili giochi di fascinazione possano lasciare presagire, ricca com’è di opportunità ma anche di minacce, di occasioni e allo stesso tempo di ostacoli. Allora proprio per chi fosse affascinato dalla prospettiva di avviare una futura attività in proprio, lo studio del

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Enrico Tamellini Contatta »

Composta da 207 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5609 click dal 04/10/2006.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.