Skip to content

Natura ed Artificio nel Cantiere di Conservazione della diruta città di Castro

Informazioni tesi

  Autore: Michele Grande
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Reggio Calabria
  Facoltà: Architettura
  Corso: Storia e Conservazione dei Beni Architettonici ed Ambientali
  Relatore: Giuseppe Simonetta
Coautore: Giovanni Tiralongo, Guarrera Fabio, Alcaro Giulio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 172

Cronistoria della città di Castro
Inquadramento territoriale
La città: riflessioni sullo studio urbano
Il rilievo nella conservazione della città di Castro
La campagna di rilievi del 2003-2004
La chiesa di S.Maria Intus Civitatem: permanenza della forma


ATLANTE STORICO-ICONOGRAFICO
Le carte storico-topografiche
L’esegesi dell’immagine di Castro: vedute storiche della città
I rilievi planimetrici della città
Le fortificazioni e le porte urbiche
La Piazza Maggiore e le sue architetture
Gli edifici religiosi
Gli edifici residenziali
Bibliografia
Vettorializzazione e legenda della carta tecnica dell’Ing. Soldati
Tavole ed elaborati di studio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 CRONISTORIA DELLA CITTA’ DI CASTRO 749 d.C. Trasferita a Castro la sede vescovile da Vulci. Sec X-XIII Castro figura tra i feudi degli Ildebrandini. 1286 29 aprile Consacrato il duomo di S. Savino. 1298 I Farnese sono dei semplici affittuari dei raccolti nei beni spettanti alla Camera apostolica. 1527 Sacco di Castro. Alessandro Farnese occupa la città all'insaputa del pontefice e senza il consenso degli abitanti. Papa Clemente VII invia a Castro Galeazzo Fernese con mercenari corsi, che la saccheggiano, riconquistando la città alla Sede Apostolica. 1524 13 ottobre Alessandro Farnese sale al soglio pontificio col nome di Paolo III. 1537 13 ottobre Scrive Annibal Caro ai familiari di Monsignor Caddi, parlando di Castro: " ...Iddio ne guardi i cani. Bisognerebbe o fuggir via o chiudere gli occhi e gli orecchi per non vedere né sentire... " 1537 31 ottobre Paolo III dona con bolla "Vide Ucet immeriti...apud S. Petrum anno 1537 Pridie Kalendas Novembris" Castro e Nepi al figlio Pier Luigi; nasce, così, il ducato di Castro con annessi i feudi precedenti ad esclusione di Latera e Farnese, che vanno ad un altro ramo della famiglia. Il nuovo Stato comprendeva: Castro, Ronciglione, Nepi, Montalto, Canino, Musignano, Tessannano, Arlena, Piansano, Cellere, Pianana, Ischia, Valentano, Bisenzio, Capodimonte, Marta, le isoleMartana e Bisentìna nel lago di Bolsena, Gradoli, Grotte S. Lorenzo, Borghetto, Badia al Ponte, Isola Farnese nei Veientì, Caprarola, Canepina, Vallerano, nonché Borgo S. Leonardo, S. Elia, Crocchiano, Vignanello, Fabbrica, Carbognano e l'Abbazia Fallesense, castelli, questi ultimi, sottratti a S. Vrito. 1537-45 Antonio da Sangallo il Giovane opera alle dipendenze di Pier Luigi. 1545 26 agosto La bolla Concistoriale " In superamenti" investe Pier Luigi del ducato di Parma e Piacenza, con censo annuo di 9.000 ducati d'oro a favore della Camera Apostolica e cessione alla medesima di Nepi e del ducato di Camerino. 1547 10 settembre Pier Luigi viene assassinato da una congiura di nobili ordita da Ferrante Gonzaga e capeggiata dal conte Giovanni Anguissola. Gli subentra Ottavio, che lascia il ducato di Castro al fratello minore Grazio 1549 Muore Paolo III e gli succede Giulio III. 1554 Muore Grazio ed il ducato torna ad Ottavio. 1551 Demolito il convento di S. Francesco presso Porta di Castello per l'ampliamento della rocca. 1558 Ottavio compila il codice " Sanctiones municipales statum castri et Roncilionis " con il quale si favorisce l'immigrazione e si impedisce ai cittadini di cambiare residenza pena la confisca dei beni 1586 Muore Ottavio e gli succede il figlio Alessandro. Questi, avendo sposato Maria, figlia del principe di Portogallo, ha tre figli: Ranuccio I, Edoardo e Margherita. Valoroso generale, governa solo virtualmente e il ducato è, di fatto, retto dal cardinale Alessandro, primogenito di Pier Luigi. 1589 Muore il cardinale Alessandro Farnese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

castro
ducato
etruschi
paesaggio
paolo iii farnese
sangallo
santa maria intus civitatem

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi