Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Elettrodeposizione di nanofili metallici in allumina anodica

Realizzazione di template di ossido di alluminio e successiva elettrodeposizione di nanofili di Cobalto, Ferro e Nichel. Studio dei parametri di processo e presentazione delle modalità realizzative.

Mostra/Nascondi contenuto.
Scopo della ricerca Con questo lavoro di ricerca ci si propone di sperimentare l’elettrodeposizione di nanofili metallici di Co, Ni e Fe all’interno dei pori dell’ossido anodico di alluminio. Tale studio è stato già affrontato da gruppi di ricerca di altre Università. Tuttavia, pur non essendo completamente originale, si ritiene che sia di fondamentale importanza potersi impadronire di una tecnica il cui impiego permetta di sintetizzare materiali nanostrutturati per usi tecnologicamente avanzati. Il lavoro prende le mosse dall’attività cominciata di recente sulla sintesi di ossidi anodici meso o nanoporosi. L’archetipo di tali materiali è l’ossido anodico di alluminio. Sotto opportune condizioni lontane dalla reversibilità, i pori dell’allumina anodica accrescono in modo autoorganizzato secondo strutture triangolari dotate di un elevato grado d’ordine. Le caratteristiche geometriche di tali pori, ossia il diametro, la spaziatura e la profondità, sono controllate per azione sui parametri elettrochimici di anodizzazione. Tra gli altri materiali che si prestano alla sintesi di strutture porose più o meno ordinate vi sono anche il silicio, l’ossido di titanio, l’arseniuro di gallio ed altri ancora. Tali nanostrutture possono a loro volta essere utilizzate per la sintesi di altri materiali a dimensionalità ridotta quali nanofili e nanopunti (nanodots) metallici. Gli impieghi di tali nanofili metallici possono essere i più disparati, dal settore biomedicale a quello della sensoristica o a quello della registrazione magnetica. In particolare, è noto che la registrazione magnetica subirà nei prossimi mesi una rapida ed importantissima evoluzione: si passerà dall’attuale modalità di registrazione in parallelo a quella in perpendicolare, e questo permetterà un notevole aumento della densità di informazione. Tra i materiali proposti per la sintesi di tali sistemi vi sono i cosiddetti patterned media, ossia mezzi con una disposizione regolare e densa dei domini magnetici. Un modo di realizzazione di tali materiali consiste appunto nella deposizione elettrochimica di nanofili ferromagnetici in strutture meso o nanoporose ordinate. 2

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alessandro Zanini Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1209 click dal 05/10/2006.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.