Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sostenibilità dello sviluppo: una contraddizione irrisolvibile

Il tentativo di questo lavoro è stato quello di analizzare i mutamenti semantici dei concetti di "Sviluppo" e "Sviluppo Sostenibile", andando a cercare le aporie che vi sono dietro a questi due concetti. Partendo dal 1949, anno della dichiarazione alle Nazioni Unite di Harry Truman, nella quale fu introdotta per la prima volta la distinzione tra paesi sviluppati e paesi in via di sviluppo, per arrivare ai giorni nostri con l'avvento di quella che Latouche definisce era dello sviluppo aggettivato, l'analisi è stata incentrata sulla visione dello sviluppo come uno stato mentale, cercando di estrapolare gli effetti collaterali del concetto, prendendo in esame gli effetti sull'immaginario, gli effetti ambientali, e gli effetti sociali. L'idea di questo lavoro è nata proprio ponendoci un quesito: è possibile pensare ad uno sviluppo differenziato nel suo oggetto, nello spazio e nel tempo, per stabilire priorità in funzione dei bisogni e della qualità delle produzioni, per consentire la crescita per i più poveri e la decelerazione di quest'ultima per i più ricchi? La triste risposta che viene da questo lavoro è che, anche se si diminuisce l'intensità della produzione energetica e delle risorse naturali, lo sviluppo necessario dei più poveri implica la rinuncia allo sviluppo illimitato dei più ricchi.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE La teoria economica ha trattato più volte e da diversi punti di vista il problema dell’esistenza di vincoli alla crescita economica. In particolare si è soffermata l’attenzione sull’idea di limiti assoluti, oltre i quali lo sviluppo non è più possibile, oppure di limiti relativi che possono essere in diverso modo rimossi o innalzati da certi fattori, quali ad esempio il progresso tecnologico, l'intervento governativo, le rivoluzioni sociali, ecc. Un nodo centrale dell'attuale dibattito consiste nell’indagare in quale misura la scarsità delle risorse naturali possa costituire un ostacolo alla crescita dell’economia mondiale, alla luce della circostanza che essa si svolge in un sistema chiuso, dato dal pianeta terra. In tale ottica l’argomento affrontato assume una rilevanza globale, implicando considerazioni e riflessioni su tematiche molto

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Tiziano De Donno Contatta »

Composta da 183 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4432 click dal 11/10/2006.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.