Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tempi di biopolitica - Due esempi attuali: il referendum sulla procreazione assistita e il caso Terri Schiavo

Il presente lavoro si prefigge un'interpretazione della nostra contemporaneità a partire da problematiche di biopolitica; disciplina, quest'ultima, nata recentemente, grazie ad autori come Foucault, in Francia e Roberto Esposito, in Italia. la nostra società è caratterizzata secondo Foucoult da problematiche, inquietudini, aspre polemiche rigurdanti in primis i temi della vita pre natale e della morte, nonchè della sessualità, del tutto incomprensibili se non si tiene conto di quanto oggi i nostri tempi siano intrisi di biopolitica.
Biopolitica indica per definizione una politica del Bios, cioè della vita intesa però in senso biologico, perciò la biopolitica oggi è in definitiva una politica che svaluta l'uomo, riducendolo ad un essere biologico. In nome di una tale politica in passato, si pensi al solo Nazismo, si è commesso il più atroce genocidio che la storia ricordi, l'uccisione di milioni di ebrei, considerati appunto biologicamente inferiori.
Attraverso un'introduzione atta a spiegare in tutte le sue sfaccettature il concetto di biopolitica, questo lavoro, proseguirà nell'interpretazione di due casi che recentemente sono stati oggetto di numerose polemiche: il caso Terri Schiavo e Il referendum italiano sulla procreazione assistita. Ho scelto due casi a mio avviso emblematici( uno rigurdante l'eutanasia, il diritto di morte, l'altro la vita pre-natale) dei tempi di biopolitica che stiamo attraversando.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE 1. Il caso Terri Schiavo 1 New York – Terri Schiavo, la donna della Florida che dal Febbraio 1990 viveva in persistente stato vegetativo e alla quale il marito, il giorno 31 Marzo-2005, stava per staccare il tubo che la teneva in vita, era da dodici anni al centro di una battaglia legale che opponeva il marito, Michael Schiavo, ai genitori Mary e Bob Schiendler. Ecco le principali tappe di una lenta agonia e del viaggio che, secondo i movimenti anti-aborto e pro-life americani, porta all’ “esecuzione” di Terri. 1990. Il 25 Febbraio Terri ha un ha collasso in casa per uno squilibrio del potassio; le si ferma il cuore quanto basta per provocare danni irreparabili al cervello, che la lasciano in stato vegetativo. 1992. Michael Schiavo vince una causa di “malpractise” contro i medici che hanno mal curato la moglie, per un totale di un milione di dollari di risarcimento. 1993. Il 14 Febbraio Michael e i genitori di Terri hanno uno scontro sui fondi del risarcimento e sull’assistenza ricevuta dalla donna. Michael inserisce l’ordine di “non rianimare” nella cartella clinica di Terri e il 29 Luglio gli Schiendler chiedono in tribunale di togliere al marito la tutela legale. La richiesta è negata nel 1994. 1998. In Maggio Michael chiede di rimuovere il tubo dell’alimentazione artificiale. 1 Crf. www.repubblica.it

Tesi di Master

Autore: Sara Castagnacci Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1887 click dal 17/10/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.