Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo dei modelli macroeconomici nelle decisioni della FED: un'analisi della recessione del 90-91

Capire come la politica monetaria viene progettata e implementata è una questione di notevole importanza per economisti, studiosi, e il pubblico in generale. Per questo motivo, ho indirizzato i miei sforzi, prima di tutto, alla costruzione di una dettagliata prospettiva sulle procedure di policy seguite dalla Federal Reserve.
Vista l’enorme rilevanza dei compiti ad essa attribuiti, la banca centrale U.S.A. rappresenta un importante centro di potere, in grado di influenzare, come nessun’altra burocrazia nel mondo, le condizioni dell’economia nazionale e internazionale.
Esiste un notevole interesse, nella letteratura economica, in merito alle relazioni che intercorrono tra i processi politici e i risultati macroeconomici, in particolare nell’area della politica monetaria.
Esiste un’evidente interazione tra i policymakers e i modelli macroeconomici nella formulazione della politica monetaria U.S.A.Come verrà argomentato nel corso della trattazione, i modelli trovano impiego in molteplici attività. Tra di esse, quelle fondamentali sono: la formulazione di previsioni, le analisi di policy, e la valutazione di regole di politica monetaria.
Nel capitolo IV ricorro all’esperienza rappresentata dalla recessione del 90-91 per illustrare l’utilizzo dei modelli macroeconomici nelle decisioni di policy. L’analisi delle registrazioni riferite ai meetings del Federal Open Market Committee, del periodo 1989-1991, rivela che la conduzione della politica monetaria fa affidamento sui modelli per ottenere l’informazione. Questi ultimi, infatti, offrono stime, sia relativamente all’outlook economico, sia in merito alle risposte dell’economia ai cambiamenti di policy.
Le conclusioni saranno collegate alle recenti evoluzioni dell’economia e della politica monetaria statunitense, per provare a cogliere gli eventuali miglioramenti intervenuti nella conoscenza delle relazioni macroeconomiche e nella gestione della policy da parte dei banchieri centrali.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Due sono gli obiettivi fondamentali che ho cercato di perseguire nella preparazione di questo lavoro. Primo, individuare le caratteristiche fondamentali che descrivono il funzionamento del Federal Reserve System; secondo, evidenziare gli aspetti essenziali, e i passaggi decisivi, del processo di policy- making monetario alla Fed. I. La politica monetaria negli Stati Uniti Capire come la politica monetaria viene progettata e implementata è una questione di notevole importanza per economisti, studiosi, e il pubblico in generale. Per questo motivo, ho indirizzato i miei sforzi, prima di tutto, alla costruzione di una dettagliata prospettiva sulle procedure di policy seguite dalla Federal Reserve. Come banca centrale degli Stati Uniti, la Fed ha la responsabilità di condurre la politica monetaria. Il Congresso, attraverso il Federal Reserve Act e altra legislazione, ha a lungo dettato le regole e le linee guida per la caratterizzazione del processo di policy- making monetario. Attualmente, la struttura di tale processo è contenuta nel Full Employment and Balanced Growth Act del 1978, conosciuto, comunemente, come Humphrey-Hawkins Act. La politica monetaria influenza l’economia attraverso i suoi effetti sulla quantità di riserve, a disposizione delle banche, per concedere credito. Le azioni di policy che aggiungono riserve al sistema bancario incoraggiano il prestito a tassi d’interesse più contenuti, stimolando così la crescita della moneta e, in definitiva, dell’economia. Gli interventi diretti ad assorbire riserve operano nella direzione esattamente opposta. Il compito della Fed è di offrire una quantità di riserve sufficiente a sostenere la creazione dell’ammontare desiderato di moneta e credito (in considerazione dei targets di politica monetaria fissati), evitando gli eccessi che possono determinare pressioni inflazionistiche. Oltre al compito di portare a termine le azioni di policy, in un modo coerente con il raggiungimento degli obiettivi di espansione economica sostenibile e

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Stocco Contatta »

Composta da 364 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1192 click dal 17/10/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.