Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi dell'interdipendenza tra politiche ambientali e politiche commerciali

L'analisi dell'interdipendenza tra politiche di tutela ambientale e politiche commerciali si basa sulla consapevolezza del ruolo primario che il commercio svolge nell'ambito dell'economia internazionale. Il fatto poi che negli ultimi decenni il mondo sia stato contraddistinto dall'imporsi di fenomeni fortemente correlati alla globalizzazione e dal ruolo di alcune organizzazioni internazionali (GATT,WTO,UE..), rende la tematica particolarmente interessante, soprattutto in una prospettiva futura, posto che non si potrà non tenere conto del ruolo di questi fenomeni. Questa tesi analizza la tematica da un punto di vista prettamente "politico", soffermandosi in particolare sul ruolo del WTO, al momento l'organizzazione, paradossalmente, più impegnata nel cercare strumenti idonei a conciliare le esigenze del libero commercio col l'esigenza, sempre più forte, di tutelare l'ambiente naturale, questo, perlomeno, in un'ottica "occidentalista".

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Questa tesi è dedicata all’analisi delle interrelazioni esistenti tra politiche commerciali e politiche ambientali, una tematica complessa ed in continua evoluzione. Le premessa fondamentale da cui cominciare deve essere la consapevolezza che il mondo, negli ultimi cinquanta anni, ha subito, dal punto di vista economico, e non solo, dei cambiamenti radicali. Le economie nazionali si sono sempre più integrate in una struttura economica globale, partecipando ad un processo ben più ampio e che coinvolge anche molti altri settori, la globalizzazione. Lo sviluppo tecnologico, la riduzione delle barriere commerciali e l’aumento degli investimenti sono tutti elementi che hanno agevolato la crescita del commercio internazionale e, di riflesso, lo sviluppo economico, sociale e politico dei paesi coinvolti. Sono quindi innegabili gli effetti positivi di questo insieme di processi, ma, parimenti lo sono anche quelli negativi, in particolare la crescente iniquità. Secondo i dati delle Nazioni Unite, al momento, circa un miliardo e trecento milioni di persone vivono con meno di un dollaro al giorno, anche se la realtà probabilmente più inquietante è il fatto che questa iniquità tra e dentro le nazioni non accenna a diminuire. Enormi cambiamenti, negli ultimi decenni, li ha subiti anche l’ambiente. L’aumento indiscriminato delle emissioni, l’intensificarsi del processo di desertificazione, il crescere dell’inquinamento delle acque sono tutti fenomeni che oramai sono giornalmente al centro dell’attenzione. Sempre secondo i dati delle Nazioni Unite, ogni giorno muoiono circa venticinquemila persone per la mancanza di acqua, un quarto delle specie di mammiferi esistenti è a rischio di estinzione e il quarantaquattro percento degli stocks di pesce è sfruttato oltre il limite biologico. Da un altro punto di vista, però, sono aumentate le istituzioni, a livello mondiale, regionale e locale, che devono affrontare la questione

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luca De Nard Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1323 click dal 20/10/2006.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.