Skip to content

Strategie di sviluppo e di internazionalizzazione delle aziende commerciali

Informazioni tesi

  Autore: Mariano Vacca
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi del Molise
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Paolo De Vita
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 203

Lo sviluppo internazionale delle imprese di distribuzione ha raggiunto (e in alcuni casi eccellenti, superato) quello dell’industria. In passato superare i confini nazionali significava, per le imprese commerciali più dinamiche, un allargamento fisiologico degli orizzonti aziendali. Ma attualmente costituisce un’esigenza non più rinunciabile soprattutto in quei contesti di mercato nei quali i fattori di spinta (“fattori push”) sono molto consolidati.
Tale processo, ha mutato profondamente i tratti caratteristici dello scenario distributivo europeo e mondiale. Da un'offerta commerciale polverizzata e per questo in posizione di sostanziale subordinazione rispetto all'industria, si è andata progressivamente configurando, attraverso percorsi e con tempi diversi, l'attuale fisionomia del trade. Vari e ben noti i fattori propulsivi e favorenti la modernizzazione del commercio, i quali sono oggetto del presente lavoro. Per citarne solo alcuni: la "rivoluzione" del libero servizio, l'adozione di formule di vendita innovative, l'offerta di servizi aggiuntivi differenziati, l'introduzione di nuove tecnologie, la realizzazione di sistemi gestionali più sofisticati.
Parallelamente all'evoluzione dell'offerta commerciale, sollecitata peraltro dalle aspettative di consumatori sempre più esigenti e con minor tempo a disposizione per gli acquisti, è cresciuta negli operatori della distribuzione la consapevolezza delle potenzialità di sviluppo del settore, non semplice anello di congiunzione fra produzione e consumo finale, ma interlocutore autonomo in grado di arricchire il prodotto industriale con i servizi offerti e di orientare le scelte della clientela. Così, oltre alle operazioni di fusione e/o di acquisizione che hanno determinato una progressiva concentrazione del trade, si sono moltiplicati gli accordi di collaborazione fra imprese indipendenti, dando luogo a fenomeni di integrazione orizzontale e verticale.

Con la “Rivoluzione Commerciale” che è avvenuta a partire dal secondo dopoguerra, le imprese commerciali si sono principalmente concentrate nella conquista di quote di mercato nei loro paesi di origine.
Ed è solo a partire dagli anni ’80 che la situazione nel trade è cominciata a cambiare: nei contesti commercialmente più evoluti, i mercati si sono iniziati a saturare e di conseguenza le imprese dovevano scegliere tra due alternative: diversificazione di prodotto (verso altre forme distributive) o diversificazione geografica (verso altri mercati). La seconda alternativa è stata percorsa da diverse imprese, ma in modo molto graduale, non solo per le evidenti difficoltà e gli alti rischi che ciò comporta, ma anche per le particolari caratteristiche che il prodotto commerciale presenta. Non è di fatto possibile percorrere la strada tipica dell’industria (esportazione indiretta, vendita diretta, filiali commerciali, produzione diretta all’estero) e per l’impresa commerciale internazionalizzarsi significa aprire, con o senza partner o accordi specifici, nuovi punti vendita all’estero. Tuttavia questo non è il caso delle imprese commerciali italiane le quali, soprattutto in passato, sono state ostacolate da una legislazione molto rigida che non ha consentito loro di sviluppare dei livelli dimensionali (c.d. “massa critica”) adatti per affrontare il processo di diversificazione geografica. Ciò, assieme alla scarsità di mezzi finanziari e alla mancanza di un’impostazione culturale più aperta a nuove esperienze “oltre confine”, ha contribuito all’affermazione di un’internazionalizzazione solamente passiva del trade italiano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE L'espansione internazionale delle imprese di distribuzione sembra essere la naturale conseguenza di un processo evolutivo in atto ormai da diversi decenni. Tale processo ha mutato profondamente i tratti caratteristici dello scenario distributivo europeo. Da un'offerta commerciale polverizzata e per questo in posizione di sostanziale subordinazione rispetto all'industria, si è andata progressivamente configurando, attraverso percorsi e con tempi diversi, l'attuale fisionomia del trade. Vari e ben noti i fattori propulsivi e favorenti la modernizzazione del commercio, i quali sono oggetto del presente lavoro. Per citarne solo alcuni: la "rivoluzione" del libero servizio, l'adozione di formule di vendita innovative, l'offerta di servizi aggiuntivi differenziati, l'introduzione di nuove tecnologie, la realizzazione di sistemi gestionali più sofisticati. Parallelamente all'evoluzione dell'offerta commerciale, sollecitata peraltro dalle aspettative di consumatori sempre più esigenti e con minor tempo a disposizione per gli acquisti, è cresciuta negli operatori della distribuzione la consapevolezza delle potenzialità di sviluppo del settore, non semplice anello di congiunzione fra produzione e consumo finale, ma interlocutore autonomo in grado di arricchire il prodotto industriale con i servizi offerti e di orientare le scelte della clientela. Così, oltre alle operazioni di fusione e/o di acquisizione che hanno determinato una progressiva concentrazione del trade, si sono moltiplicati

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aziende commerciali
baghwati
benetton
carrefour
conad
coop
globalizzazione
grocery
ikea
imprese commerciali
internazionalizzazione
non grocery
richardson
rivoluzione commerciale
strategie
svilluppo
tedeschi
trde
wal-mart
walmart

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi