Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'idrogeno quale vettore energetico per il futuro

L'idrogeno come fonte energetica per il futuro utilizzata come possibile combustibile dato il suo potere calorifico superiore se confrontato con gli altri combustibili fossili. applicazioni stazionarie e mobili dell'uso dell'idrogeno

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il consumo energetico tende globalmente ad aumentare sia nei paesi sviluppati sia in quelli in via di sviluppo, dove la diffusione dell’industrializzazione e il miglioramento della qualità della vita sono tendenze irreversibili. A tutt’oggi, la produzione di energia si basa ancora principalmente sull’uso dei combustibili fossili, ma il progressivo esaurimento dei giacimenti delle fonti fossili e l’aumento della richiesta comportano un continuo incremento dei costi e un aumento dell’impatto ambientale. Per questo, l’orientamento dei paesi occidentali e del Giappone è di contabilizzare questo impatto per mezzo di imposte. L’alternativa è l’utilizzo delle fonti rinnovabili, alcune già industrialmente mature, come la fonte idroelettrica, solare termica ed eolica, ostacolate nella loro diffusione dalla bassa densità energetica e dall’intermittenza della disponibilità. Una soluzione può venire dall’uso dell’idrogeno quale vettore energetico. Questa fonte non solo è potenzialmente inesauribile, in quanto si può ricavare dall’acqua, ma è anche non inquinante, perché la sua combustione produce acqua e quantità limitate di ossidi di azoto. A fronte di questi vantaggi, l’idrogeno presenta alcuni problemi che, unitamente al costo di produzione ancora elevato, ne hanno finora impedito l’applicazione: è esplosivo, facilmente infiammabile ed estremamente volatile. Grazie ai recenti progressi tecnologici, questi problemi, però, possono considerarsi superati. Inoltre le nuove tecnologie di produzione, accumulo e trasporto, una volta giunte a maturazione industriale, ne renderanno competitivo l’uso. I tempi dipenderanno dalle scelte politiche. In Italia, si pensa alla possibilità di introdurre la carbon tax. Il provvedimento, tuttavia, ha senso solo quando si verificano due condizioni: la possibilità di utilizzare fonti

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giuseppina Binetti Contatta »

Composta da 103 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2276 click dal 24/10/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.