Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunità Rom di Avezzano: l'integrazione socio-culturale e scolastica dei minori

La tesi, frutto di una ricerca sul campo, presenta un'analisi dell'attuale situazione di inserimento sociale e scolastico della comunità Rom di Avezzano a circa mezzo secolo dalla definitiva sedentarizzazione di questa comunità sul territorio e a più di vent'anni di presenza zingara nell'istituzione scolastica. Inoltre, il presente lavoro offre una riflessione sulla necessità per la scuola di ricercare gli strumenti che le permettano di essere realmente scuola per tutti e sull'importanza che essa può e deve assumere nel costruire nella società attuale un'ottica interculturale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La comunità Rom di Avezzano rappresenta una delle tante sfaccettature della “ricca e complessa” realtà zingara del nostro paese. Attualmente, infatti, sono presenti in Italia circa centomila Zingari i quali, pur riconoscendosi in un’unica identità , appartengono a gruppi diversi per tradizioni e caratteristiche culturali e sociali. In particolare, la comunità di Avezzano fa parte di uno dei gruppi zingari di più antico insediamento nel nostro paese, quello dei Rom abruzzesi; a partire dal secondo dopoguerra questa comunità vive stanziale nella città di Avezzano rappresentando ancora oggi l’unica minoranza etnico- linguistica presente sul territorio. 1 Questo lavoro di tesi, frutto di più di un anno di ricerca sul campo, intende presentare un’analisi dell’attuale situazione di inserimento sociale e scolastico dei minori della comunità Rom di Avezzano a distanza di circa mezzo secolo dalla definitiva sedentarizzazione di questa comunità sul territorio e a più di vent’anni di presenza zingara nell’istituzione scolastica cittadina. Inoltre, esso vuole essere uno spunto di riflessione sull’importanza nella scuola della conoscenza dei propri alunni, di stessa e dei propri bisogni poiché “non si dà istruzione se prima non ci si dispone a sondare, con sana curiosità, il materiale umano, non per dare giudizi, ma per conoscere più profondamente, per evitare errori, per arricchirsi di una umanità così da intervenire sugli altri 1 Barbieri Stefanelli M., Nicolini B., Zingari Rom e Sinti, Piemme Edizioni, Casale Monferrato (AL), 1996, pag. 9.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Federica Cozzi Contatta »

Composta da 254 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3294 click dal 03/11/2006.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.