Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Clown: esperienze terapeutiche di riso e sorriso

un'indagine a carattere filosofico, storico, sociale e terapeutico sul riso e sul sorriso. esperienze di clown terapia e indagini mondiali a riguardo

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Ho scelto di svolgere una tesi sulla comico terapia da quando partecipai nell’estate del 2003 ad uno spettacolo di intrattenimento con i clowns per i bambini organizzato da By Your Side nel parco a Monza. Qui conobbi Guga, farfallino imbottito, calzoni a quadretti e una cascata di riccioli arancioni. Passò qualche minuto e subito mi appassionai a lui: era un riso colorato e fischiettante! Si respirava energia positiva al suo fianco ed inevitabilmente comparai quei momenti e quel giardino festoso con gli ambienti contenuti della mia vita quotidiana, dove mostrare i propri sentimenti, piangere, ridere, abbandonarsi è considerato esagerato. Luoghi in cui il riso non è ricercato, eppure proprio qui è accaduto che una sola risata mi abbia permesso di sgrassare via tutto lo stress accumulato durante un’intera giornata. Lo scoppio di riso è un vero scossone, un potentissimo “starnuto mentale”. Uno sguardo complice, un sorriso sincero, e ci si sente sempre meglio. Ognuno di noi sa quanto sia difficile togliersi le “maschere sociali” che inibiscono, frenano, incasellano. Molte volte invece una solo moto di riso è stato in grado di rompere queste maschere. La risata ha in sé qualcosa di folle, di irrazionale. Mentre gli esseri umani cercano di costruire qualcosa di ordinato, di disciplinato, spigoloso, la risata permette di esprimerci energicamente in modo pazzo, furioso, animalesco, istintivo, assurdo, coinvolgente: pura energia. Da questa predisposizione al riso al voler approfondire le proprietà terapeutiche della risata il passo è stato breve. Quando mi accinsi ad approfondire la ricerca, questa, come spesso capita, rivelava aspetti sempre nuovi e talvolta insospettati: primo fra tutti scoprire il carattere ‘umano’ del sorriso. L’uomo incivile non ha ‘senso d’umorismo’ oppure lo ha ad un livello spregevole; e non lo ha il despota, né l’uomo solitario, né l’animale. Così si rendono manifesti gli elementi morali che concorrono a far

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Riccardo Borghi Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9813 click dal 06/11/2006.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.