Skip to content

La promozione d'immagine nelle società sportive minori: l'esperienza Basket Trapani

Informazioni tesi

  Autore: Flavio Zummo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Gianni Costanza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 195

Per una società sportiva di piccole dimensioni la gestione coerente e coordinata della risorsa “immagine” può rappresentare un importante vantaggio spendibile sul mercato che spesso i sodalizi che gravitano tra professionismo e semiprofessionismo tendono a trascurare, concentrandosi quasi esclusivamente sul risultato sportivo di cui la brand equity è solitamente considerata la naturale didascalia.
Qualsiasi programma volto al potenziamento della brand equity sottende la destinazione di investimenti a questo genere di attività, risorse di cui spesso le società sportive minori non dispongono o che tendono a destinare al raggiungimento degli obiettivi sportivi, risultati che tuttavia rappresentano soltanto uno degli aspetti che concorrono a determinare il valore del patrimonio d’immagine di un club; tale valore è infatti il risultato di una politica orientata alla “qualità”, volta alla soddisfazione del cliente, ed il consumatore per un sodalizio non è soltanto lo spettatore che vive la match experience nell’impianto sportivo ma anche colui che segue la propria squadra in TV, che ascolta le radiocronache, che acquista i vari gadget etc…
Inoltre l’obiettivo di perseguire una politica che tenda a valorizzare la risorsa immagine sottende la necessità di maggiore attenzione verso tutti i pubblici di riferimento del club compreso pubblico interno ed aziende sponsor, che in queste categorie rappresentano spesso la principale fonte di entrate per i sodalizi.
Il percorso di comunicazione che dovrebbe essere posto in essere in qualsivoglia realtà sportiva nell’ottica di legare in modo forte la propria brand equity al territorio di riferimento, dovrebbe partire dal marketing ed attraversare un’intensa attività di public relation in un processo volto a far intersecare ricerca di miglioramento della solidità organizzativa del sodalizio attraverso l’attuazione di una politica volta alla ricerca della qualità e ricerca di soddisfazione ed apprezzamento da parte dei diversi pubblici con cui il club si trova ad interagire.
Oggi la gestione della funzione comunicazione nella maggior parte dei sodalizi che militano in categorie inferiori tende ad essere frammentata tra un responsabile marketing che si occupa in realtà principalmente del reperimento degli sponsor, ed un addetto stampa che collabora part-time con la società e che svolge soltanto le tradizionali mansioni delegate a tale ruolo. Ne deriva spesso una gestione frammentata dell’immagine del Club non in grado di cogliere e sfruttare a pieno tutte le diverse potenzialità di business e di valorizzazione della brand equity che una società sportiva ha nel suo stesso DNA.
D’altro canto è anche vero che per attivare tali processi le società sportive minori dispongono di budget limitati; in tale contesto valorizzare competenze e risorse che possiede già una società sportiva può essere la soluzione, tuttavia è necessario che gli sforzi di comunicazione siano inquadrati in una strategia coerente, condivisa dalla dirigenza ed implementata attraverso un coordinamento che richiede necessariamente un responsabile che si occupi a tempo pieno di tutti gli aspetti che riguardano la brand equity.
Tale responsabile a livello organizzativo potrebbe essere inserito nell’ufficio stampa, vero e proprio crogiuolo di informazioni; d’altronde è dall’ufficio stampa che è nata la funzione di pubbliche relazioni nelle aziende, ed è dall’ufficio stampa, opportunamente reinquadrato come “ufficio comunicazione”, che può venir data nuova ninfa alla valorizzazione della brand immage nelle società sportive minori.
Per dimostrare questa ipotesi di ricerca è stata condotta una esperienza nel Basket Trapani, (Sodalizio neopromosso in Legadue, la seconda lega del basket nazionale) società sportiva gravitante tra professionismo e semiprofessionismo dove, nella stagione 2004/2005, l’autore di questo testo era stato assunto per curare gli aspetti riguardanti l’ufficio stampa.
L’esperimento ha cercato di trasformare l’ufficio stampa in “ufficio comunicazione” diventando, in accordo con la dirigenza, il perno della definizione ed implementazione delle strategie di comunicazione del club.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Status quaestionis Inverno 1891, Massachusset. James Naismith, un professore trentenne di educazione fisica che lavora allo Springfield College, sta cercando di creare un gioco per i suoi alunni che movimenti le giornate noiose passate in palestra a lavorare con gli attrezzi ginnici tradizionali. Seduto al tavolino si spreme le meningi in cerca di una soluzione scrivendo appunti su appunti ma senza venirne a capo. Fu dal gesto snervato di appallottolare l’ennesima pagina di inchiostro sprecato che uscì quel lancio perfetto verso il cestino dei rifiuti, quel lancio che fece passare James Naismith alla storia. Era nato il Basket, uno degli sport oggi più popolari e diffusi al mondo. In Italia il basket è il secondo sport praticato con oltre 280000 tesserati alla Federazione Italiana Pallacanestro e presenta una diffusione particolarmente ampia soprattutto al sud e nelle isole 1 . Il panorama del mondo cestistico presenta in Italia due leghe professionistiche, la Lega A e la Legadue, che insieme muovono un giro d’affari considerevole anche se non lontanamente paragonabile al circuito del mondo del calcio. Tuttavia anche nel mondo del basket, così come nel calcio, le società sportive hanno vissuto negli ultimi anni (in particolare dal 1996) i profondi cambiamenti derivanti dalle modificazioni del quadro legislativo che hanno trasformato le società sportive da società private con finalità no profit a società con fini di lucro 2 . 1 Indagine 2001 del CONI, www.coni.it 2 La legge 586/96 infatti, facendo confluire nell’alveo delle società di capitali i Sodalizi appartenenti a Federazioni Sportive che avessero introdotto nei rispettivi ordinamenti il settore professionistico, ha prodotto delle conseguenze nella struttura, nelle attività e nelle finalità delle Società sportive italiane.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi