Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rapporto cittadini-servizi sanitari: validazione di strumenti di rilevazione

Il lavoro si colloca all’interno di una vasta ricerca promossa dall’ Agenzia Sanitaria Regionale, nata con lo scopo di studiare le disuguaglianze in ambito sanitario, i meccanismi di generazione e l’identificazione di interventi possibili.
La proposta è di mettere in luce i processi psicosociali sottostanti i meccanismi generatori delle disuguaglianze nell’accesso ai servizi sanitari da parte di alcune categorie considerate socio-culturalmente deboli: immigrati, anziani, donne.
Il progetto si è occupato principalmente di costruire e validare uno strumento, nello specifico un questionario, per analizzare l'accesso degli utenti ai servizi sanitari, in un'ottica di uguaglianza ma anche di soddisfazione

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE La salute e il rapporto tra cittadini e sanità sono divenute negli ultimi anni aree di ricerca molto importanti e sono state oggetto di studio da parte di diverse discipline; in ambito psicologico è stata ed è tuttora la Psicologia della Salute ad occuparsi in particolare di queste tematiche. È soprattutto a partire dagli anni ‘70 che si sono manifestati dei segnali di rinnovamento culturale sui temi della salute, che ne hanno sottolineato l’importanza non solo individuale, ma anche collettiva e la necessità di nuovi rapporti tra individui, gruppi e sistema sanitario. Da allora lo sviluppo della ricerca su queste tematiche è avvenuto con ritmi rapidissimi, sia negli Stati Uniti sia in Europa. Negli Stati Uniti, nel 1976 si forma il primo gruppo di lavoro all’interno dell’ American Psychological Association (APA), che sfocerà nel 1979 nella creazione della sezione 38 dell’APA, intitolata appunto Health Psychology. In Europa la prima conferenza europea di Psicologia della Salute è stata realizzata a Tilburg (Olanda) nel 1986. Nel giugno 1997 si è costituita la società italiana di Psicologia della Salute, avente come finalità istituzionali la promozione e lo sviluppo della ricerca empirica e teorica in Italia, e delle applicazioni e dello scambio di informazioni tra i suoi membri e quelli di altre associazioni nazionali e internazionali. L’auspicio di quanti si occupano di salute è di privilegiare l’aspetto della promozione, intesa come benessere complessivo della persona nel suo contesto socio-ecologico. Per fare questo è anche necessario attuare una distinzione più chiara di ambiti e interessi rispetto alla medicina e ad altre discipline di confine, tentando di percorrere nuove strade ed aprire nuovi temi. I segnali sono incoraggianti. Amerio (1993) sostiene che nell’ambito della psicologia si registra una progressiva marcia verso tre direzioni: 1) autonomizzazione rispetto al modello medico tradizionale; 2) allargamento dell’ottica dall’individuale al sociale; 3) attenzione all’intersezione dello psicologo e le politiche nel settore della salute.

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Sabina Zapponi Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1192 click dal 07/11/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.