Skip to content

Violenza, potere, terrorismo: analisi categoriale della politica

Informazioni tesi

  Autore: Annarita Gori
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Relatore: Paolo Bagnoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 163

Il terrorismo è una categoria politica relativamente giovane: il termine, infatti, è stato coniato circa un secolo e mezzo fa in occasione della violenza politica anarchica.
Ad una prima analisi, quindi, sembrerebbe che esso designi un tipo di lotta antisistemica volta a disgregare le strutture portanti della società. In realtà non è così semplice.
Esso, infatti, trova la sua radice semantica nella parola francese “terreur”, la quale indica il periodo storico tra il 31 maggio 1793 e il 28 luglio 1794, quando a Parigi si istituì una particolare forma di governo: il terrore di Stato.
Il terrorismo è un fenomeno estremamente complesso e ambiguo: esso designa movimenti antistatutali e modalità governative repressive e liberticide; la violenza terroristica, dunque, può essere impiegata sia per abbattere un sistema statutale, sia per provocare un’involuzione autoritaria o, nella sua forma più estrema, totalitaria. Inoltre i gruppi che ricorrono a questo tipo di lotta politica possono operare in uno scenario statale interno, come le Brigate Rosse italiane o i populisti russi; oppure agire su una scala geograficamente più ampia come il terrorismo israeliano e Al Quaeda.
Le pagine che seguono vogliono offrire un’analisi di una parte di questo fenomeno politico. Saranno prese in considerazione solo le manifestazioni interne del terrorismo, specificatamente l’anarchismo, il populismo e i gruppi della “nuova sinistra” degli anni ’70 per la parte antisitemica; l’autoritarismo e il totalitarismo come forme di terrore di Stato.
Un’ultima delimitazione dell’oggetto di indagine riguarda la violenza nazionalistica e separatistica. Seppure si possa iscrivere nella categoria generale del terrorismo interno, ho preferito non includerla nella trattazione a causa del suo carattere storico e del suo legame specifico con il contesto politico, economico e sociale peculiare di ogni sua manifestazione. Un’analisi generale, infatti, non avrebbe potuto tenere nel giusto conto tali variabili e avrebbe rischiato, quindi, di non valutare attentamente una forma di violenza politica così complessa.
Il taglio dell’elaborato non è, dunque, legato all’analisi storica e sociologica delle diverse manifestazioni di violenza politica; ma è incentrato sull’analisi delle dottrine politiche soggiacenti al terrorismo, e alle forme sistemiche caratteristiche del terrore di Stato.
Ho ritenuto opportuno, inoltre, aggiungere alle analisi dottrinarie e dei sistemi statutali, un capitolo introduttivo che, partendo dalle definizioni delle categorie politiche della violenza e del potere, potesse fornire alcune costanti del terrorismo. Esse sono state rintracciate per entrambi gli idealtipi: l’azione violenta, infatti, è praticata sia nella volontà di screditare il sistema politico vigente e nella sua sostituzione, sia nell’importanza attribuita alla propaganda e alla diffusione del messaggio del gruppo terroristico.
Infine, conclude l’elaborato un capitolo che tenta la ricostruzione delle principali teorie sulla devianza politica a partire dalle tesi evoluzionistiche e antropomorfiche di Cesare Lombroso fino ai più recenti contributi offerti dall’approccio multidisciplinare. Il percorso tracciato non ha pertanto lo scopo di tentare di dare una interpretazione della personalità terroristica o delle motivazioni sottostanti a questo forma di violenza, ma vuole contribuire a chiarire un campo di indagine che si colloca spesso al confine tra diverse discipline di studio, nella speranza che sempre più si indaghi su questo fenomeno che a distanza di oltre un secolo continua a rimanere attuale e a ripresentarsi ogni volta sotto nuovo forme.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREMESSA Il terrorismo è una categoria politica relativamente giovane: il termine, infatti, è stato coniato circa un secolo e mezzo fa in occasione della violenza politica anarchica. Ad una prima analisi si potrebbe, quindi, ritenere che esso designi un tipo di lotta antisistemica volta a disgregare le strutture portanti della società. In realtà la questione non è così semplice. Il termine “terrorismo” ha la sua radice semantica nel francese “terreur”, con il quale si indica il periodo storico compreso tra il 31 maggio 1793 e il 28 luglio 1794, quando a Parigi si istituì quella particolare forma di governo definito come, terrore di Stato. Il terrorismo è un fenomeno al contempo complesso e ambiguo: in esso si annoverano movimenti antistatutali, modalità governative repressive e liberticide; la violenza terroristica può essere impiegata per abbattere un sistema statutale, per provocare un’involuzione autoritaria e, nella sua forma più estrema, totalitaria. Inoltre, i gruppi che ricorrono a tale tipo di lotta politica, possono operare in uno scenario statale interno, come le Brigate Rosse italiane ed i populisti russi, oppure agire su una scala geograficamente più ampia, come avviene per la rete del terrore islamico denominata Al Quaeda. Le pagine che seguono si propongono di una parte di questo fenomeno politico. In particolare saranno prese in considerazione solo le manifestazioni interne del terrorismo: specificatamente, l’anarchismo, il populismo e i gruppi della “nuova sinistra” degli anni ’70 per la parte antisitemica; l’autoritarismo e il totalitarismo quali forme di terrore di Stato. Un’ultima delimitazione relativa al campo di indagine riguarda la violenza nazionalistica e separatistica. Seppure essa si possa inscrivere nella

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi