Skip to content

Il ruolo del concessionario nella valorizzazione del mercato automobilistico

Informazioni tesi

  Autore: Renato Rossetti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia del Commercio Internaz. e dei Mercati Valutari
  Relatore: Francesco Calza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 226

Chiaramente l’entrata in vigore della nuova normativa, e il notevole grado di incertezza intorno ai suoi risvolti operativi, ha prodotto un atteggiamento di matrice relativamente difensiva e conservatrice da parte delle case automobilistiche, che hanno cercato le forme e gli strumenti per legittimare i rapporti in essere alla luce dei nuovi principi normativi. Oltre a rappresentare un punto di svolta strategicamente rilevante per effettuare una certa riorganizzazione dell’articolazione quali-quantitativa delle reti, questa fase ha visto anche il prodursi di una serie di effetti tra i quali una maggiore attenzione al rispetto degli standard (tipico elemento di un sistema di distribuzione selettivo), ed un maggior grado di sofisticazione nella struttura dei margini di commercializzazione per le reti.
Nel complesso possiamo dire quindi che la normativa dovrebbe produrre scelte più diverse rispetto al passato tra le case automobilistiche (e quindi formati distributivi e politiche di rete diversi da casa a casa e da marca a marca), ma maggiore omogeneità tra le reti distributive per una singola marca. Gran parte del dibattito recente sviluppatosi intorno alla nuova normativa si è focalizzato sugli effetti complessivi della normativa sul sistema distributivo, non di rado con sfumature talvolta condizionate da risvolti di tipo economico-sociale. Si pensi ad esempio alla tesi, sostenuta da alcuni operatori soprattutto nella fase precedente all’entrata in vigore, secondo la quale la nuova normativa avrebbe prodotto sconvolgimenti in termini occupazionali all’interno delle reti distributive. Nonostante sia ancora prematuro trarre un giudizio oggettivo in tal senso, non si può non notare che la riduzione in termini occupazionali del settore associata ad un processo di razionalizzazione delle scelte è in atto da diversi anni, pur in presenza di una certa continuità normativa. Ciò che interessa qui sottolineare dunque è che mentre il dibattito si è tendenzialmente focalizzato sugli effetti complessivi, è opportuno considerare gli effetti della normativa in funzione delle singole filiere distributive, intese come sistema casa automobilistica – reti di concessionari. Da un certo punto di vista, la nuova normativa impone la rimozione di alcuni ‘lacci’ della precedente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Fin dalla sua nascita, il settore automotive ha ricoperto un ruolo fondamentale per l’intera economia mondiale, non a caso è stato definito “l’industria delle industrie”, oltre che per il numero di addetti, anche in quanto fucina di innovazioni che poi hanno influenzato tutti gli altri settori. Il suo peso, in termini di reddito prodotto, di numero di occupati, di complessità di relazioni industriali, ha fatto in modo che l'industria automobilistica incidesse profondamente sul processo di industrializzazione italiano. La crescita del mercato automobilistico ha prodotto situazioni di forte integrazione e mutua interdipendenza con l’intera economia europea. Con l’affermarsi del Mercato Unico Europeo il settore automobilistico è stato caratterizzato da processi di concentrazione. La situazione attuale del settore appare difficile, come testimoniano interventi governativi a corto raggio a sostegno di una stagnazione della domanda che sembra non aver intenzione di invertire la rotta. Ciononostante la declinazione dell’offerta appare quanto mai florida, indirizzata ad una personalizzazione sempre più spinta del prodotto che sembra essere l’ultima arma contro una crisi dovuta ad una saturazione di un mercato maturo come quello occidentale. Oggi, nella catena del valore del prodotto “nuovo” la rete di distribuzione “ufficiale” riesce a ritagliarsi uno spazio sempre più stretto, tale da rendere la contribuzione del prodotto nuovo nei conti dei rivenditori del tutto marginale. I margini dei concessionari vengono erosi a monte dai costruttori, in difficoltà per la forte concorrenza, a valle dalla presenza dei rivenditori “indipendenti” sorti all’ombra delle politiche di prezzo disomogenee delle Case. 1 1) Una situazione difficile, che ha portato molte aziende a chiudere i battenti, tanto che le concessionarie in Italia sono passate dalle 4.393 del 2000 alle 4.012 del 2005- Fonte Federaicpa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accordi
automobilistico
block exemption
canale
casa automobilistica
concentrazione
concessionario
concorrenza
customer satisfaction
dealer satisfaction
distribuzione
domanda auto
esenzione
evoluzione distribuzione
intese
mercato
politiche
rapporti industria
saturazione
strategie

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi