Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Business Angel - profili, ruolo e network -

Il lavoro svolto ha voluto indagare il fenomeno dell’ infomal venture capital, in particolare, nell’ambito di questo, la figura del business angel nell’esperienza internazionale ed italiana. Il ruolo e l’importanza di un network di respiro europeo che si estende, sotto il profilo operativo, a livello nazionale.
Nella prima parte, l’indagine, peraltro lontana dall’essere esaustiva del fenomeno che appare ricco di sfaccettature, origina dalla descrizione del profilo tipico del business angel, il ruolo, il campo d’azione, il processo d’investimento, la way-out “naturale”, i tre archetipi individuati in letteratura, ne sottolinea, infine, il ruolo macro-economico.
Passando per le origini della figura del business angel, sottolineando il grado di maturità che la stessa, ha raggiunto nei paesi anglo-sassoni rispetto i paesi dell’Europa continentale, affronta, di seguito, gli aspetti giuridici (tipicamente di governance) e fiscali, facendo riferimento, in particolare, al quadro legislativo del nostro Paese.
La prima parte si conclude con una descrizione del network europeo dei business angels, E.B.A.N.; se ne tracciano il profilo e le origini, si descrive la struttura, i vantaggi che derivano dall’adesione, le motivazioni alla base della costituzione, i compiti istituzionali, il codice comportamentale, alcuni dati che descrivono la crescita negli ultimi anni.
Nella seconda parte del lavoro, si è posta l’attenzione sulla rete nazionale dei business angels, I.B.A.N., tracciandone il profilo, i compiti istituzionali, i tratti distintivi, l’evoluzione; sottolineando le iniziative di partnership promosse con istituzioni pubbliche e private del nostro Paese, al fine di favorire la diffusione della cultura del capitale di rischio e sviluppo del tessuto economico ed industriale italiano.
I.B.A.N. si configura come una “rete delle reti”, si è voluto, pertanto, introdurre il concetto di B.A.N. territoriale, quale rete di connessione tra le istanze locali (domanda e offerta di capitali e know-how ) e nazionali, di ordine economico generale descritte sopra.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il lavoro svolto ha voluto indagare il fenomeno dell’infomal venture capital, in particolare, nell’ambito di questo, la figura del business angel nell’esperienza internazionale ed italiana. Il ruolo e l’importanza di un network di respiro europeo che si estende, sotto il profilo operativo, a livello nazionale. Nella prima parte, l’indagine, peraltro lontana dall’essere esaustiva del fenomeno che appare ricco di sfaccettature, origina dalla descrizione del profilo tipico del business angel, il ruolo, il campo d’azione, il processo d’investimento, la way-out “naturale”, i tre archetipi individuati in letteratura, ne sottolinea, infine, il ruolo macro-economico. Passando per le origini della figura del business angel, sottolineando il grado di maturità che la stessa, ha raggiunto nei paesi anglo-sassoni rispetto i paesi dell’Europa continentale, affronta, di seguito, gli aspetti giuridici (tipicamente di governance) e fiscali, facendo riferimento, in particolare, al quadro legislativo del nostro Paese. La prima parte si conclude con una descrizione del network europeo dei business angels, E.B.A.N.; se ne tracciano il profilo e le origini, si descrive la struttura, i vantaggi che derivano dall’adesione, le motivazioni alla base della costituzione, i compiti istituzionali, il codice comportamentale, alcuni dati che descrivono la crescita negli ultimi anni. Nella seconda parte del lavoro, si è posta l’attenzione sulla rete nazionale dei business angels, I.B.A.N., tracciandone il profilo, i compiti istituzionali, i tratti distintivi, l’evoluzione; sottolineando le iniziative di partnership promosse con istituzioni pubbliche e private del nostro Paese, al fine di favorire la diffusione della cultura del capitale di rischio e sviluppo del tessuto economico ed industriale italiano.

Tesi di Master

Autore: Leonardo Ingrassia Contatta »

Composta da 26 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2857 click dal 07/11/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.