Skip to content

L'accesso improprio al Pronto Soccorso - La gestione del codice bianco

Informazioni tesi

  Autore: Flavio Marti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Teresa Compagnone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 122

Negli ultimi 10 anni i Pronto Soccorso Italiani sono divenuti per i cittadini punto di riferimento per qualsiasi problema di carattere sanitario o sociale (perlopiù non urgente) non risolvibile in tempi brevi presso le altre strutture sanitarie presenti sul territorio. Ciò ha condizionato pesantemente l’attività degli stessi, aumentando i tempi di attesa medi, e non garantendo una corretta distribuzione delle risorse umane, strutturali ed economiche. Al fine di ridurre al minimo questi inconvenienti è stato creato di un sistema di “filtro” (Triage) gestito da personale infermieristico adeguatamente addestrato.
Emerge quindi una mancanza di informazione correlata ad una scarsa stima e conoscenza dei servizi territoriali (medico di medicina generale, pediatra di libera scelta, consultori, poliambulatorii ecc…).

Negli ultimi anni, nei Paesi in cui è risultato elevato il costo dell'assistenza ospedaliera e le risorse sono apparse limitate rispetto ad una domanda sanitaria crescente, vi è stata una ri-organizzazione del sistema dell’emergenza territoriale unitamente a numerosi cambiamenti, che sono tuttora in corso, riguardanti la notevole espansione nel ruolo e nei compiti infermieristici nell’ambito dell’urgenza, favorendone la valorizzazione di tutte le competenze professionali, al fine di garantire un'assistenza efficace (Clinical effectiveness) all’utente. Questi elementi hanno spinto i governi all'adozione di programmi sanitari specifici.
Tenendo conto delle innovazioni introdotte negli ultimi anni, anche in Italia con la legge n° 42 del 26 febbraio 1999, in campo infermieristico sono state presentate alcune soluzioni per arginare il fenomeno dell’accesso improprio al Pronto Soccorso. Particolare risalto è stato dato alla gestione dell’Ambulatorio Infermieristico (che garantisce un rapporto assistenziale, basato sulla reale conoscenza dei problemi del singolo cittadino e che eroga, secondo l'Office of Technology Assessment: "Un'assistenza la cui qualità è uguale a quella fornita dal medico di base”) e all’Infermiere di Famiglia (Figura professionale istituita nell’ambito del progetto SALUTE 21 e secondo l’O.M.S.: “il maggior fornitore dei servizi di assistenza sanitaria primaria nei Servizi Sanitari”).
Si è parlato, inoltre, di Educazione Sanitaria intesa come un processo formativo che abbraccia tutto l’arco della vita dell’essere umano nella sua globalità e soprattutto in relazione con l’esterno. E’ stato posto l’accento sul suo ruolo primario nella gestione dell’accesso improprio al Pronto Soccorso, sui destinatari e sulle figure professionali interessate.
Alla luce di tutto questo si è provato ad ipotizzare un percorso al fine di ridurre e controllare gli accessi impropri in Pronto Soccorso;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 PREMESSA Negli ultimi 10 anni i Pronto Soccorso Italiani sono divenuti per i cittadini punto di riferimento per qualsiasi problema di carattere sanitario o sociale (perlopiù non urgente) non risolvibile in tempi brevi presso le altre strutture sanitarie presenti sul territorio. Questa sovrabbondanza di accessi ha reso necessario apportare diverse modifiche alla struttura organizzativa del Pronto Soccorso, tra queste la più importante è stata la creazione di un sistema di “filtro” (Triage) gestito da personale infermieristico adeguatamente addestrato. Durante l’esperienza di tirocinio clinico svolto presso il Dipartimento di Emergenza ed Accettazione dell’ospedale G.B. Grassi di Roma ho notato come gli accessi impropri ne condizionino pesantemente l’attività, aumentando i tempi di attesa medi, e non garantendo una corretta distribuzione delle risorse umane, strutturali ed economiche. Inoltre l’elevato afflusso di utenti non coinvolge solamente il Dipartimento di Emergenza ed Accettazione bensì influenza numerose unità operative a cominciare dal laboratorio analisi e dalla radiologia passando per i reparti dove si effettuano le consulenze specialistiche fino a giungere alle unità amministrative. L’idea di una Tesi di ricerca sull’accesso improprio al Pronto Soccorso nasce dalla voglia di guardare più attentamente al problema

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accesso improprio
ambulatorio infermieristico
codice bianco
district nurse
educazione sanitaria
infermiere
infermiere di famiglia
nursing
pagamento ticket
pronto soccorso
rural nurse
statistica medica
triage

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi