Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Flexum-Pegognaga: analisi storico-geografica

Con questo mio studio intendo fare luce sulle origini e la storia di un paese tra i meno conosciuti dell’Oltrepò mantovano, ma con ogni probabilità il più interessante. Lo studio dell’idrografia storica di queste località e le testimonianze archeologiche conducono ad affermare con certezza che nell’antichità Pegognaga era un centro di un certo rilievo strategico ed economico per il fatto che era attraversata dal Po.
Si suppone che in età romana ( in mancanza di uno scavo sistematico si è ancora in una fase di formulazione di ipotesi, suffragate tuttavia dall’importanza e dalla quantità dei reperti venuti alla luce dall’Ottocento sino ai giorni nostri) Pegognaga fosse uno scalo commerciale ed un emporio. Il luogo doveva con ogni probabilità chiamarsi Flexus e c’è addirittura chi ipotizza che questo vicus avesse dimensioni ben più estese comprendendo i paesi del circondario

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Con questo mio studio intendo fare luce sulle origini e la storia di un paese tra i meno conosciuti dell’Oltrepò mantovano, ma con ogni probabilità il più interessante. Lo studio dell’idrografia storica di queste località e le testimonianze archeologiche conducono ad affermare con certezza che nell’antichità Pegognaga era un centro di un certo rilievo strategico ed economico per il fatto che era attraversata dal Po. Si suppone che in età romana ( in mancanza di uno scavo sistematico si è ancora in una fase di formulazione di ipotesi, suffragate tuttavia dall’importanza e dalla quantità dei reperti venuti alla luce dall’Ottocento sino ai giorni nostri) Pegognaga fosse uno scalo commerciale ed un emporio. Il luogo doveva con ogni probabilità chiamarsi Flexus e c’è addirittura chi ipotizza che questo vicus avesse dimensioni ben più estese comprendendo i paesi del circondario. Questa supposizione è confortata dal fatto che abbiamo testimonianze archeologiche di Flexus dal I sec. a. C. al V sec. d. C. e tale comunità è addirittura una delle prime ad essere riconosciute giuridicamente in età longobarda dal re Liutprando come Civitas Flexus . Una comunità che sopravvive alle orribili guerre gotiche ed ha testimonianze che provano la continuità degli insediamenti sino al VIII sec. , tanto da essere riconosciuta da un sovrano, deve aver avuto un sicuro peso economico e demografico.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marco Moretti Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1796 click dal 13/11/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.