Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il repertorio gestuale dei bambini con autismo

L'autismo è un disturbo che colpisce 4/5 bambini su 10000, ed è più diffuso nel sesso maschile. uno degli aspetti più caratteristici di tale disturbo è proprio l'assenza della comunicazione non solo verbale ma anche non verbale, e quindi della comunicazione gestuale. in particolare caratteristica dell'autismo sembra essere l'assenza del gesto di indicare con funzione dichiarativa, cioè per condividere l'attenzione. Questo sembra essere anche uno dei segnali più importanti per la diagnosi percoce dell'autismo. Viene inoltre descritto lo sviluppo gestuale dei bambini con sviluppo tipico, atipico (con sindrome di Down, sindrome di Williams, sordi) ed operato un confronto con l'autismo.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE L’autismo è una grave patologia che rientra nel quadro dei disturbi generalizzati dello sviluppo; la sua origine è incerta, anche se sembra ormai confermata la presenza di una qualche lesione/disfunzione a livello biologico. Esso colpisce circa 2/5 soggetti su 10000 con un rapporto M:F di 4-5:1 (Wing, 1993) e comporta un deficit nelle diverse aree di sviluppo: cognitiva, sociale, affettiva, linguistica. Tutte le definizioni attualmente accettate includono tre criteri fondamentali per la diagnosi: compromissione dell’interazione sociale, compromissione della comunicazione verbale e non, restrizione delle attività immaginative, degli interessi e delle normali variazioni comportamentali. Se analizziamo il comportamento non verbale dei bambini affetti da autismo ciò che colpisce è che essi non utilizzano i gesti per comunicare e compensare le loro carenze sul piano dell’espressione linguistica, se non in misura estremamente limitata. L’importanza dei gesti nelle prime fasi dello sviluppo comunicativo è stata ampiamente sottolineata all’interno di ricerche sulla comunicazione e l’acquisizione del linguaggio. In questi studi è stato evidenziato come i gesti sono frequentemente utilizzati dai bambini nel corso dei primi due anni di vita per comunicare ed hanno un importante ruolo di transizione nel processo di acquisizione del linguaggio. Il repertorio gestuale dei bambini con autismo appare invece alquanto anomalo e peculiare, poiché differisce sia da quello dei bambini normodotati che da quello dei bambini affetti da altri disturbi dello sviluppo. Sembra dunque utile prendere in considerazione quali sono le caratteristiche dello sviluppo gestuale dei bambini con sviluppo tipico ed atipico, prima di descrivere le anomalie del repertorio gestuale dei bambini affetti da autismo. Nel primo capitolo verranno innanzi tutto presentate le principali definizioni di “gesto” e le più note classificazioni delle tipologie gestuali nell’adulto e nel bambino. Verranno poi illustrate le principali tappe dello sviluppo gestuale del bambino neurotipico, con particolare attenzione

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Isabella Florio Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8536 click dal 13/11/2006.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.