Skip to content

Scandali finanziari e società off shore: un'analisi economica della legge di riforma sul risparmio n. 262/05

Informazioni tesi

  Autore: Gianni Morresi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Ancona
  Facoltà: Economia
  Corso: Finanza
  Relatore: Alberto Zazzaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 232

Negli ultimi 5 anni l’Italia è stata scossa da note vicende di malfunzionamento del sistema finanziario; nomi come Cirio e Parmalat sono ancora ben vivi nella mente dei risparmiatori. Nel corso di un approfondimento degli argomenti è emerso come i problemi legati alla regolamentazione dell’attività finanziaria, ma in realtà alla regolamentazione in senso lato, siano molto eterogenei; ciò nonostante, scorrendo i fatti emersi, è possibile trovare un punto di convergenza negli innumerevoli illeciti commessi: l’utilizzo di società estere collegate a quelle domestiche per sottrarre o manipolare informazioni ( e quindi fondi), alla base di qualsiasi rapporto di scambio, a soci, investitori e autorità di controllo. La domanda che sorge è: la normativa è stata carente tout court o la normativa è stata carente solo nel momento in cui non è riuscita a regolare i rapporti con alcuni tipi di società estere?
A seguito degli eventi citati il Legislatore italiano ha reagito approntando la legge 262/05, ovvero la così detta legge sul risparmio, con l’intenzione di inserire maggiore tutela del pilastro chiave del sistema finanziario: il risparmio. La citata legge si presenta come un’operazione di fine tuning , per mutuare un’espressione della politica monetaria, del Testo Unico emanato nel 1998, correggendone il più delle volte il tiro sostituendo parole, commi o articoli; solo il III capo del titolo I presenta carattere di uniformità aggiungendo un’intera sezione, denominata “Rapporti con società estere aventi sede legale in stati che non garantiscono la trasparenza in materia societaria”, al T.U.F., all’interno della parte IV che tratta della “Disciplina degli emittenti”. Sembra proprio che lo sforzo del Legislatore sia volto a sanare quella voragine che può inficiare la normativa italiana a tutela del risparmio e quindi del sistema finanziario nel suo complesso; è infatti innegabile sostenere che se Cirio e Parmalat non avessero usufruito dei paradisi fiscali le loro frodi non sarebbero state, con tutta probabilità, né così protratte nel tempo né di così rilevante entità, non sarebbero stati emessi bond da collocare per cercare di salvare alcuni finanziatori e il conseguente conflitto di interessi di chi ha gestito tale collocamento sarebbe venuto meno.
Proprio per l’assenza di connessioni dirette e certe di tipo causa-effetto tra diritto ed economia è da ritenersi fertile il giovane terreno degli studi di analisi economica del diritto, meglio conosciuto come Law&Economics; questo ambito di studio a cavallo tra economia e giurisprudenza tenta di verificare, di volta in volta, l’attinenza tra legge e sue conseguenze economiche, sia in maniera teorica e generale, cercando di trovare le condizioni che indicano quando usare lo strumento normativo, sia a livello particolare cercando di interpretare economicamente una specifica legge o provvedimento avente stessa forza .
Lasciato al Legislatore il compito di capire se i benefici della normativa eccedano i suoi costi e si diffondano nella collettività scopo del presente elaborato è cercare di verificare l’attinenza della nuova sezione del T.U.F. con la tutela del risparmio, chiaramente, nei confronti delle frodi compiute attraverso gli stati che non garantiscono trasparenza societaria, i così detti paradisi fiscali o centri off shore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Negli ultimi 5 anni l’Italia è stata scossa da note vicende di malfunzionamento del sistema finanziario; nomi come Cirio e Parmalat sono ancora ben vivi nella mente dei risparmiatori. Nel corso di un approfondimento degli argomenti è emerso come i problemi legati alla regolamentazione dell’attività finanziaria, ma in realtà alla regolamentazione in senso lato, siano molto eterogenei; ciò nonostante, scorrendo i fatti emersi, è possibile trovare un punto di convergenza negli innumerevoli illeciti commessi: l’utilizzo di società estere collegate a quelle domestiche per sottrarre o manipolare informazioni ( e quindi fondi), alla base di qualsiasi rapporto di scambio, a soci, investitori e autorità di controllo. La domanda che sorge è: la normativa è stata carente tout court o la normativa è stata carente solo nel momento in cui non è riuscita a regolare i rapporti con alcuni tipi di società estere? A seguito degli eventi citati il Legislatore italiano ha reagito approntando la legge 262/05, ovvero la così detta legge sul risparmio, con l’intenzione di inserire maggiore tutela del pilastro chiave del sistema finanziario: il risparmio. La citata legge si presenta come un’operazione di fine tuning , per mutuare un’espressione della politica monetaria, del Testo Unico emanato nel 1998, correggendone il più delle volte il tiro sostituendo parole, commi o articoli; solo il III capo del titolo I presenta carattere di uniformità aggiungendo un’intera sezione, denominata “Rapporti con società estere aventi sede legale in stati che non garantiscono la

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi economica del diritto
bond
cirio
elusione della normativa
elusione fiscale
kanbur
keen
law&economics
off-shore
offshore
paradisi fiscali
paradiso fiscale
parmalat
risparmio
transfer pricing
tutela del risparmio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi