Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo sviluppo dei processi competitivi nel mercato del credito meridionale durante gli anni '90

La penetrazione delle banche dell'Italia centro-settentrionale nel mercato del credito meridionale ha prodotto distorsioni ed il peggioramento qualitativo dell'offerta di credito nel Mezzogiorno, confermati dall'evoluzione dei principali indicatori di mercato: tassi attivi e passivi, rapporti di razionamento, impieghi e depositi. Distorsioni che non hanno mancato di alterare i già delicati equilibri contabili delle banche aventi sede legale nel Mezzogiorno, determinando di fatto la scomparsa di istituti di credito meridionali dotati di autonomia decisionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo primo INTRODUZIONE 1.1 Evoluzione del dibattito sul sistema creditizio Il ruolo degli intermediari creditizi , quali leve dello sviluppo economico di una regione , ha rivestito e continua a rivestire un ruolo importante nella cosiddetta “economia dello sviluppo” . In estrema sintesi il problema da chiarire è se lo sviluppo dei mercati finanziari , ed in particolare modo di quelli creditizi , costituisca un “prius” oppure un “posterius” rispetto allo sviluppo dei mercati reali . La questione non è di semplice soluzione , poiché ricca di implicazioni soprattutto di carattere normativo ; per esempio affermare che le banche costituiscano una delle leve primarie dello sviluppo economico di un’area , implica concentrare eventuali politiche di sviluppo principalmente sul sistema creditizio . Nella realtà italiana , soprattutto quella meridionale , ciò equivalerebbe ad individuare parte delle cause del tardivo sviluppo economico del Mezzogiorno , proprio nelle inefficienze e nelle imperfezioni , che caratterizzano il mercato del credito meridionale . In questo lavoro si cercherà di seguire la tesi , diametralmente opposta , secondo cui le marcate imperfezioni del mercato del credito del mezzogiorno , rappresentante la parte preponderante del mercato finanziario , sarebbero riconducibili allo stato di debolezza e precarietà , in cui versa l’industria meridionale . E’ questa una tesi molto forte che in parte attenua le responsabilità delle banche ; una tesi che sposta

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Scognamiglio Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 904 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.