Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

“Animazione culturale" e "Cultura Vocazionale” . Una proposta educativa nella prospettiva del documento Nuove vocazioni per una nuova Europa

Con questa ricerca abbiamo allora cercato di dimostrare che l’animazione culturale costituisce per la pastorale vocazionale e per il rinnovamento ecclesiale un luogo privilegiato in cui far maturare nel giovane la sensibilità e l’attenzione alla propria vocazione.
Tale obiettivo è stato perseguito attraverso un itinerario a tappe che ha avuto la finalità di:
1. Leggere la realtà giovanile nel contesto attuale della “società complessa”.
2. Entrare nella realtà dell’animazione culturale per coglierne il valore e la funzione per l’educatore e per il giovane.
3. Ripercorrere il documento Nuove vocazioni per una nuova Europa, evidenziando in che modo si sta sviluppando la sensibilità e l’attenzione della Chiesa sulla questione vocazionale.
4. Elaborare, a partire dal fecondo confronto del documento con la proposta dell’animazione culturale, una serie di suggerimenti educativi che permettano al giovane di aprirsi all’orizzonte di senso e di comprendersi come essere amato, voluto, in relazione continua e vitale con Dio.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La realtà giovanile appare sempre più un universo dalle mille sfaccettature che riflette la società complessa di cui fa parte. In essa si manifesta in modo particolare il disagio che l’uomo di oggi sente di fronte ai temi che da sempre lo interpellano circa il senso della sua vita e circa il suo futuro. Oggi come non mai il giovane vive con difficoltà l’invito a “dare senso” alle scelte di cui è protagonista quotidianamente e nei momenti cruciali della vita. Eppure questa è la sfida attorno alla quale si gioca il futuro non solo del singolo ma anche di tutta la comunità sociale. Negli ultimi decenni stiamo assistendo come l’appartenenza ad un gruppo costituisca una grande risorsa per suscitare nel giovane la domanda di senso e per fornirgli gli strumenti atti a concretizzare il suo impegno. Anche la Chiesa sembra aver capito che deve concentrare la sua azione pastorale sulla formazione di educatori e animatori attenti, in grado di stimolare quegli interrogativi che, con un ritmo sempre più incalzante, prendono corpo nel “pianeta giovani”. Nel gruppo si trova la possibilità di maturare interazioni autentiche, in vista della scoperta del significato profondo che ognuno deve dare alla propria vita. Nel gruppo si condividono valori e norme proprie, e tuttavia si può acquisire una visione positiva della realtà per un impegno sempre più responsabile e maturo nella società. In questo contesto si inserisce la nostra proposta, che si sviluppa attorno a due poli: l’esperienza dell’animazione culturale e la riflessione ecclesiale più recente sul tema vocazionale. Da diverso tempo, infatti, un tipo di proposta educativa che l’Università Pontificia Salesiana promuove è indicata come “animazione culturale”. Tale modello di animazione mira alla maturazione di interazioni autentiche tra i membri del gruppo, in vista della crescita del singolo individuo. In questo modo il giovane è aiutato a riscoprire la propria identità, le proprie radici, il proprio ruolo all’interno della società in vista di un impegno concreto nella vita.

Tesi di Laurea

Facoltà: Teologia

Autore: Matteo Sanavio Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2418 click dal 28/11/2006.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.