Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione in azienda e la drammaturgia degli eventi: il caso della Canon

TEORIA E ANALISI DEGLI EVENTI AZIENDALI E PROCEDURE DI PROJECT MANAGEMENT RELATIVE ALLA COMUNICAZIONE DI EVENTI CULTURALI E AZIENDALI. ANALISI DELLA COMUNICAZIONE IN CANON ITALIA SPA RELATIVAMENTE ALL'E VENTO CANON CONCERTO.

1.1 COS’E’ L’EVENTO

Diamo un definizione di evento:
Evento s.m.- di fenomeno così circoscritto nel tempo e nello spazio da poter essere considerato corrispondente ad un punto nello spazio - dal latino eventu(m)-part. Pass.di evenī¬re ‘’evenire’’.
L’evento sta in questo: nella rappresentazione dello spazio-tempo il significato di qualcosa che deve avvenire.
Anche se in questo momento non dobbiamo indagare l’evento in sè ma in quanto parte di un sistema di significazione più ampio che è la drammaturgia.
Esiste infatti una stretta analogia tra il linguaggio della comunicazione e la
produzione di un evento.
Dal punto di vista storico l’evento affonda le sue radici nell’azione teatrale che a sua volta è direttamente collegata alla festività e al rito.
Mano a mano che il rito perde la sua origine sacrale inizia a svilupparsi in modo autonomo una nuova produzione di senso attraverso la forma teatrale.
Quali sono i punti di riferimento cardine attorno al quale ruotano i riferimenti teatrali?
<< Gli elementi del teatro sono il testo, lo spazio, il tempo, l’attore e lo spettatore.
Il testo indica una struttura coerente e completa.
Il corpo indica la molteplicità fisica dell’attore e degli oggetti.
La scena è il recinto reale o ideale accettato come luogo della finzione.
Il contatto è la condivisione diretta spazio-temporale.
Il gruppo è l’insieme che decide di radunarsi.
Il contesto è sia il contesto culturale che il contesto spazio-temporale dell’evento>>.
<< Oppure secondo un’altra logica si possono assumere gli elementi di schema generale della comunicazione per cui:
Il mittente diventa la cooperazione creativa riassunta nell’attore.
Il destinatario come corale e compresente.
Il contatto come fisico.
Il codice come plurimo.
Il messaggio come integrato.
Diamo quindi una definizione aristotelica di evento teatrale:’’ E’ la mimesi di persone che agiscono’’ >>.
Possiamo allora dire che qualsiasi tipo di forma teatrale è un evento e qualsiasi tipo di evento è un forma teatrale ?
Questo è vero quando il rito collettivo da sacro diventa profano, laico e commerciale.

Mostra/Nascondi contenuto.
LA COMUNICAZIONE IN AZIENDA E LA DRAMMATURGIA DEGLI EVENTI : IL CASO DELLA CANON • L’EVENTO • LA DRAMMATURGIA DEGLI EVENTI • COME NASCE UN EVENTO • IL CASO CANON • UN EVENTO AZIENDALE : IL CASO CANON

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alberto Beretta Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 831 click dal 25/01/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.