Skip to content

Nuovi strumenti per la gestione dei dati in applicazioni aziendali

Informazioni tesi

  Autore: Quang Pham
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia e della gestione aziendale
  Relatore: Paolo Bouquet
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

In tempi recenti, grazie all’innovazione dei mezzi di comunicazione, e soprattutto alla riduzione dei costi di questi strumenti, le spese affrontate per raccogliere informazione sono diventate veramente esigue, tanto da permetterne la circolazione pressochè libera da vincoli economici. Questo ha portato però ad una altro problema. Con la riduzione dei costi, è diventato così semplice produrre e ricevere informazioni che la difficoltà si è spostata su come gestirle, archiviarle e catalogarle. Secondo una ricerca dell’università di Berkeley [1], la quantità di informazione totale generata, aumenta di ben 30% ogni anno. Questo significa che ogni 3 anni, la quantità di informazioni quasi duplica la sua quantità totale. Per quanto riguarda, in specifico, l’informazione presente sul Web, sebbene strumento relativamente nuovo, cresce ad una velocità estrema; tanto che sarebbe addirittura triplicato in tre anni (studio effettuato tra il 2001 e il 2003).
Questa immensa produzione di informazione ha reso necessario trovare un metodo di archiviazione efficiente, che permettesse di richiamare tali dati per essere utilizzati quando fosse stato necessario.
Da tempo ormai, sia organizzazioni che utenti generici, risolvono questo problema utilizzando potenti strumenti chiamati DataBase Management System (DBMS). Queste applicazioni possono raccogliere al loro interno molti dati, che possono essere salvati, catalogati, manipolati ed estratti con relativa facilità. Per quanto riguarda le organizzazioni, questo strumento è spesso ciò che sta alla base del loro “Sistema Informativo Aziendale” (verrà analizzato meglio nel paragrafo 2.6). L’aumento inarrestabile dell’informazione rischia però di rendere inefficiente le operazioni di ricerca e archiviazione. Dato l’enorme quantitativo di informazione, servirebbe un metodo efficiente di indicizzazione dei contenuti, segnalando le informazioni importanti per poter essere base di una ricerca. Con i sistemi attuali invece, l’archiviazione è rimasta efficiente, ma sta perdendo di efficacia, nel senso che tali sistemi non permettono un utilizzo che rispecchi la potenzialità dei dati. Le informazioni possono essere archiviate e catalogate, ma il metodo di indicizzazione dei contenuti è inadeguato a definire la grande varietà di informazioni. In questo modo molte informazioni non vengono archiviate secondo la loro effettiva importanza, rimanendo la cosidetta goccia all’interno del mare. Altre volte invece, gli strumenti non sono in grado di salvare tale informazione, e questa di conseguenza viene addirittura persa.
Negli ultimi anni, è apparsa una soluzione tecnologica che sembrerebbe più idonea a risolvere queste problematiche, i Database XML Nativi. Si tratta di una serie di nuovi approcci capaci di raccogliere informazioni in maniera più efficiente, definendo anche parte del contesto all’interno di cui è inserito il dato (o l’elemento). Inoltre presenta una gran capacità di trasformazione in altri formati e semplicità di diffusione attraverso internet, soprattutto per le trasmissioni di informazione per il “Business to Business”. Nonostante tutto però, sebbene questi sistemi abbiano delle caratteristiche che teoricamente li pongono ad un livello superiorie rispetto ai vecchi sistemi di archiviazione (i Database Relazionali, creati intorno agli anni ‘70), dopo già diversi anni dalla loro apparizione non sono ancora riusciti a raggiungere una significativa diffusione.

Lo scopo di questa tesi è di verificare i motivi e le problematiche che rallentano o limitano la diffusione di queste applicazioni per la gestione dei dati. In particolare lo studio verrà focalizzato verso l’ambito aziendale, dal momento che rappresenta un mercato molto importante per tale tecnologia.
La tesi è strutturata in un modo da illustrare inizialmente la nascita e l’evoluzione dei Database fino a descrivere l’importanza che hanno raggiunto per quanto riguarda il loro uso nei “Sistemi Informativi”. Da qui si passerà a spiegare le caratteristiche e le particolarità dell’XML e delle sue applicazioni, senza però entrare mai in descrizione troppo tecniche. Infine verrà fatta una valutazione paragonando l’attuale sistema di gestione dati più utilizzato con questa nuova tecnologia, per esaminare i vantaggi e gli svantaggi sia manageriali che tecnici che ne minano l’affermazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Pag. 1 CAPITOLO 1 Introduzione In tempi recenti, grazie all’innovazione dei mezzi di comunicazione, e soprattutto alla riduzione dei costi di questi strumenti, le spese affrontate per raccogliere informazione sono diventate veramente esigue, tanto da permetterne la circolazione pressochè libera da vincoli economici. Questo ha portato però ad una altro problema. Con la riduzione dei costi, è diventato così semplice produrre e ricevere informazioni che la difficoltà si è spostata su come gestirle, archiviarle e catalogarle. Secondo una ricerca dell’università di Berkeley [1], la quantità di informazione totale generata, aumenta di ben 30% ogni anno. Questo significa che ogni 3 anni, la quantità di informazioni quasi duplica la sua quantità totale. Per quanto riguarda, in specifico, l’informazione presente sul Web, sebbene strumento relativamente nuovo, cresce ad una velocità estrema; tanto che sarebbe addirittura triplicato in tre anni (studio effettuato tra il 2001 e il 2003). Questa immensa produzione di informazione ha reso necessario trovare un metodo di archiviazione efficiente, che permettesse di richiamare tali dati per essere utilizzati quando fosse stato necessario. Da tempo ormai, sia organizzazioni che utenti generici, risolvono questo problema utilizzando potenti strumenti chiamati DataBase Management System (DBMS). Queste applicazioni possono raccogliere al loro interno molti dati, che possono essere salvati, catalogati, manipolati ed estratti con relativa facilità. Per quanto riguarda le organizzazioni, questo strumento è spesso ciò che sta alla base del loro “Sistema Informativo Aziendale” (verrà analizzato meglio nel paragrafo 2.6). L’aumento inarrestabile dell’informazione rischia però di rendere inefficiente le operazioni di ricerca e archiviazione. Dato l’enorme quantitativo di informazione, servirebbe un metodo efficiente di indicizzazione dei contenuti, segnalando le informazioni importanti per poter essere base di una ricerca. Con i sistemi attuali invece, l’archiviazione è rimasta efficiente, ma sta perdendo di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

applicazioni
aziendali
costi
database
datawarehouse
economia
extensible
feasebility
funzionalità
informatica
language
markup
native
nativi
paragone
performance
reengineering
relazionale
web
xml

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi