Skip to content

Influenza di fattori ambientali sul comportamento di homing di tartarughe marine dislocate dai luoghi di nidificazione

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Del Lucchese
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Biologiche
  Relatore: Paolo Luschi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 82

Durante il loro ciclo vitale, le tartarughe marine compiono molti spostamenti, anche su lunga e lunghissima distanza, che spesso assumono carattere di vere e proprie migrazioni. Negli adulti questi viaggi migratori avvengono tra specifiche zone di foraggiamento e di nidificazione e sono sovente diretti verso luoghi familiari all’animale, per cui costituiscono un esempio di homing. Come tali, essi sono presumibilmente guidati da efficienti sistemi di orientamento e navigazione tramite cui le tartarughe riescono a raggiungere i propri obiettivi in maniera efficiente in ogni condizione ambientale.
La conoscenza dei sistemi di navigazione utilizzati dalle tartarughe è ancora piuttosto limitata, anche per le difficoltà che si riscontrano nella ricostruzione delle rotte seguite dagli animali durante i loro movimenti in alto mare. Solo di recente, lo sviluppo di tecniche di telemetria satellitare ha consentito di ricostruire, con buona accuratezza, i movimenti delle tartarughe marine, sia durante le migrazioni naturali che in condizioni sperimentali. Un tipo di esperimento comunemente usato per lo studio dei fenomeni di navigazione animale è il dislocamento, che consiste nel rilasciare un animale lontano dalle aree familiari e osservarne il comportamento per valutare se e come esso riesce a compensare lo spostamento subito e a ritornare nei luoghi conosciuti.
Nel presente lavoro sono stati compiuti esperimenti di dislocamento su tartarughe verdi (Chelonia mydas) nidificanti nell’Isola di Europa, situata nel Canale di Mozambico. Sei femmine di tartaruga sono state catturate subito dopo una deposizione di uova, equipaggiate con trasmittenti satellitari e dislocate tramite una nave in due siti oceanici a circa 115 km e 245 km a est-sud-est dell’Isola di Europa. Il sistema di telemetria satellitare ha fornito dati sulle localizzazioni per tre delle tartarughe rilasciate, la cui elaborazione, con programmi di gestione dei dati geografici, ha permesso di ricostruire le rotte di homing fino all'isola di origine e le successive migrazioni post-riproduttive verso le loro zone di foraggiamento.
Le rotte così ricostruite sono state valutate in relazione ad alcuni fattori ambientali potenzialmente utili per la navigazione delle tartarughe, rilevati per il Canale di Mozambico. In particolare nella mia analisi ho preso in considerazione:
• i parametri del campo geomagnetico terrestre, calcolati attraverso modelli matematici;
• l’andamento dei venti nell'area, ottenuto da dati rilevati da satelliti;
• il decorso e l'entità le correnti oceaniche, valutate in base a dati
oceanografici forniti dai satelliti.
I risultati degli esperimenti hanno evidenziato che le tartarughe mostrano una generale difficoltà a compensare il dislocamento: esse riescono a tornare all'isola di partenza, ma impiegando un tempo elevato (fra i 14 e i 60 giorni) e con rotte molto circonvolute. Subito dopo il rilascio, tutte le tartarughe hanno mostrato un movimento simile in direzione ovest, della durata di 9-12 giorni, compiendo 497-752 km, senza però riuscire a ritrovare l'isola. Dopo questo tratto iniziale, le tre tartarughe hanno seguito rotte assai diverse tra loro. Le informazioni geomagnetiche e i venti hanno avuto scarso effetto sulle rotte tenute durante l’homing; al contrario le correnti sembrano aver esercitato un’influenza rilevante, deviando le tartarughe dalla direzione voluta senza che esse siano state capaci di compensarne l’azione di deriva.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Capitolo 1. Introduzione Biologia generale delle tartarughe marine Il mare è l’ambiente naturale di una grande varietà di animali che in alcuni casi passano la maggior parte della loro vita in mare aperto, spesso attraversando estese regioni nel corso delle varie fasi del loro ciclo vitale. Esempi di questi viaggiatori oceanici si possono trovare in gruppi diversi come calamari, aragoste, pesci, balene e tartarughe. A causa delle loro abitudini di vita sfuggenti, la conoscenza scientifica di queste specie è limitata, e le informazioni disponibili relative a molti aspetti importanti del loro comportamento è frammentaria e lontana dal fornire un quadro definito della situazione. Le tartarughe marine rappresentano una parziale eccezione a questo modello, poiché in alcune fasi del loro ciclo vitale è possibile monitorare da vicino i loro comportamenti o compiere degli esperimenti di tracking satellitare, applicando su di esse dei trasmettitori. Le sette specie diverse attualmente viventi di tartarughe marine appartengono tutte al sottordine Cryptodira (ordine Cheloni, vedi Tab.1). Esse sono raggruppate nelle due famiglie dei Chelonidi (con le specie Caretta caretta, Eretmochelys imbricata, Chelonia mydas, Chelonia agassizii, Natator depressus, Lepidochelys kempii e Lepidochelys olivacea) e dei Dermochelidi (con la sola specie Dermochelis coriacea), ed hanno una distribuzione prevalentemente tropicale e subtropicale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

chelonia mydas
correnti marine
dislocamento
geomagnetismo
homing
migrazioni
ricostruzione rotte
tartarughe marine
telemetria satellitare
venti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi