Skip to content

Koloman Moser e la Secessione Viennese. Il rinnovamento della Grafica in Austria

Informazioni tesi

  Autore: Marco Codazzi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia
  Relatore: AntonelloNegri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 457

Nel capitolo propedeutico sulla storia della Secessione viennese, attraverso i commenti contemporanei di Hevesi e Bahr, gli scritti pubblicati sui cataloghi delle mostre della Secessione e sulla rivista “Ver Sacrum”, e grazie al contributo del libro Quer Sacrum. Wiener Parodien und Karikaturen der Jahrhundertwende di Hans Goldschmidt, ho cercato di rendere un’immagine fresca, e per certi versi nuova, di questo movimento. Nella parte dedicata a Moser, ho voluto mettere in luce, anche attraverso la pubblicazione del più completo corpus di immagini dell’autore mai apparso in Italia, l’importanza avuta dall’artista nello sviluppo di una grafica di estrema attualità, che partendo dalla tradizione della grafica ottocentesca che nei paesi di lingua tedesca aveva in Max Klinger il suo rappresentante principale, era passata attraverso la sinuosità e l’esasperazione della linea tipica dello Jugendstil per poi arrivare a soluzioni che hanno anticipato esperienze astratte e sviluppato motivi che troveranno la loro piena maturità circa sessant’anni più tardi con le ricerche dell’optical art.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1) NOTA INTRODUTTIVA Se devo pensare ai motivi che hanno suscitato in me l’interesse e l’amore per l’arte di fine secolo e per la Secessione viennese in particolare, la prima cosa che mi viene in mente è la mia passione per il fumetto coltivata fin dall’infanzia. Il fumetto è un mezzo di espressione e comunicazione che ancora oggi dal punto di vista grafico non viene considerato degno della qualifica di arte mentre dal punto di vista dei testi quasi nessuno si sente di classificarlo come letteratura. Nell’immaginario della maggioranza delle persone, in Italia la parola fumetto fa pensare a Topolino, Diabolik, Superman e pochi altri personaggi, del tutto ignorati e sconosciuti ai più sono quei disegnatori come Breccia o Battaglia, le cui opere secondo me non hanno nulla da invidiare a quelle di pittori, grafici o esponenti delle cosiddette Arti maggiori, fatto testimoniato anche dal ciclo di mostre organizzate a Milano a Palazzo Bagatti Valsecchi tra il 1997 e il 2000 e dedicate a Moebius, Enki Bilal e Philippe Druillet, tre maestri del fumetto fantastico e di fantascienza. La passione per il fumetto e quindi per tematiche fantastiche e per uno stile grafico in cui sono sfruttate tutte le possibilità espressive della linea e delle combinazioni di bianco e nero ha fatto sì che nel corso degli anni passati alla scuola superiore il mio interesse per l’arte fosse suscitato da quegli artisti e da quei movimenti che mettevano in primo piano il disegno e la linea rispetto al colore o da quegli artisti eccentrici le cui tematiche si allontanavano dia tradizionali soggetti religiosi, cominciò quindi un lungo processo che partì dal gotico internazionale, da Filippo Lippi e Botticelli, Brueghel e Bosch, si interruppe, escluse rare eccezioni, per alcuni secoli, per poi risvegliarsi con Blake e Füssli, la grafica di Daumier e Dorè, Degas e il movimento simbolista concludendosi con l’arte di fine ottocento e inizio novecento di cui mi impressionò particolarmente l’arte della Secessione viennese. Nel prosieguo degli anni mi interessai soprattutto a Gustav Klimt e Egon Schiele dei quali mi affascinavano la morbidezza della linea, l’atmosfera e le figure sognanti del primo, la nervosità, la durezza della linea, l’angoscia e il tormento che trasmettevano le figure del secondo. Attraverso lo studio di questi due artisti e grazie ad alcuni soggiorni a Vienna imparai a conoscere anche l’arte di altri membri della Secessione e ad ammirare la modernità della loro produzione grafica, della loro linea e delle loro figure e mi accorsi quanto questi artisti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arti applicate
arti grafiche
jugendstil
koloman moser
riviste
secessione viennese
ver sacrum
vienna

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi