Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un algoritmo di inversione lineare per la determinazione di un profilo dielettrico oltre un ostacolo

In questo lavoro si focalizza l’attenzione sul problema dell’individuazione di un oggetto (distanza, spessore e caratteristiche elettromagnetiche) al di là di uno schermo piano che ne occulti la presenza. La geometria scelta è di tipo monodimensionale. Si considera, infatti, lo schermo e lo scatteratore indefinitamente estesi ed invarianti lungo un piano; tale scelta, pur comportando una notevole semplificazione dal punto di vista computazionale, permetterà di raggiungere dei risultati concettuali di validità generale.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE 1 INTRODUZIONE L'esecuzione di indagini non distruttive, note in letteratura con il nome di “non destructive testing (NDT)“, si pone come elemento base in molte applicazioni, come ad esempio quella archeologica [1], dell’ingegneria civile, della salvaguardia dei beni monumentali e della ricerca di sottoservizi, solo per citarne alcune di uso più comune. Non meno importanti sono le attività che riguardano il rilevamento di ordigni inesplosi [2], le “analisi ambientali” , il rilevamento di agenti inquinanti [18]. Nelle applicazioni citate, l’obiettivo comune da raggiungere è quello di ottenere immagini di zone non visibili direttamente, senza dover operare scavi nell’intera area indagata, limitando in tal modo i costi ed eliminando altresì la probabilità di danneggiare gli oggetti da rilevare [3],[4],[5]. Uno dei metodi più adatti a tal fine è quello basato sul Georadar (GPR). Una difficoltà nell’impiego del georadar è usualmente rappresentata dalla non immediata interpretabilità dei dati. Un approccio che riesce a migliorare l’intelligibilità dei dati – fornendo spesso immagini di interpretazione più semplice e più oggettive che non quella fornite dai cosiddetti “dati grezzi”, ovvero dai dati senza

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Vincenzo Pagano Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 716 click dal 05/12/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.