Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I flussi migratori verso l'Europa. Il caso italiano e la diaspora cinese in Toscana.

La tesi affronta le cause e le principali caratteristiche dei fenomeni migratori soffermandosi sui flussi che hanno interessato il continente europeo dal 1800 ad oggi.
In particolare viene analizzata la migrazione cinese in Toscana cercando di cogliere gli aspetti economici che hanno contribuito al rapido sviluppo del comprensorio pratese.
In ultimo viene tracciato un quadro della situazione socio-economica attuale della città di Prato diventanta il modello dell'evoluzione dell'economia cinese nel mondo.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO I I flussi migratori: una lettura delle caratteristiche principali e delle cause 1. Il moto perpetuo delle migrazioni I fenomeni migratori sono una costante della storia umana: «la sedentarietà – scrive Hans Magnus Enzensberger 1 – non fa parte delle caratteristiche della nostra specie fissate per via genetica». Non vi è epoca storica che non abbia conosciuto movimenti migratori di una qualche consistenza, né area del pianeta che non ne sia stata investita. Nessuna società è statica, nemmeno la più stabile e sedentarizzata. Gli spostamenti di popolazioni, la trasformazione della mappa etnica e (nel lunghissimo periodo) della mappa genetica, il mescolarsi degli uomini e delle culture sono sempre stati, e tuttora sono, la regola, non l’eccezione. Le migrazioni hanno lentamente ma inesorabilmente modificato il patrimonio genetico dei vari gruppi umani. Scrive Luigi Cavalli-Sforza, la massima autorità mondiale nel campo della genetica delle popolazioni: “I cosiddetti bianchi altro non sono che dei meticci, degli ibridi sul piano genetico. Il risultato di un antichissimo connubio tra popoli africani e orientali. Le tessere che formano il mosaico del nostro Dna vengono per due terzi dall’Asia e per un terzo dal continente nero, un innesto che risalirebbe, secondo i calcoli degli scienziati, a trenta, quarantamila anni fa» 2 . Qualunque società reale è stata ed è tributaria, in maggiore o minor misura, dei fenomeni migratori. Nel mondo antico, ad 1 H.M. Enzensberger, La Grande migrazione, Einaudi, Torino 1993 2 L. Cavalli-Sforza, La transizione neolitica e la genetica di popolazione in Europa, 1986.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Mariberta Brogi Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6033 click dal 14/12/2006.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.