Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I luoghi narrativi della trilogia bunuelliana

Bunuel , un eretico nei giorni nostri; un ateo per "grazia" di Dio.
Bunuel pensatore laico e provocatore; grande creatore di scene di immaginario collettivo.
Morire e Vivere da ateo : Bunuel e il suo cinema

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREMESSA Con il presente lavoro si vogliono analizzare i luoghi narrativi de Il fascino discreto della borghesia, uno dei tasselli conclusivi della carriera cinematografica di Buñuel, partendo dalla sceneggiatura desunta del film e servendoci delle preziose riflessioni personali, contenute nel libro delle sue memorie, delineando così delle costanti che forniscono utili chiavi di lettura della sua opera. L’originalità è l’unicità dello stile Buñueliano consiste nel modo come egli racconta le storie, come il tempo oggettivo lascia il posto ad una visione soggettiva della vita, senza tralasciare la sua capacità di rinnovarsi continuamente imparando anche dai giovani. Lo studio della sua opera ha dato modo di rintracciare dei luoghi narrativi ricorrenti nell’opera del regista, quali gli animali, la sua concezione politica o il sadismo del suo cinema, ecc., che si ritrovano anche in maniera precisa nel film oggetto di questo lavoro. Seguono in appendice tre schede di lettura dei film che Buñuel ha girato tra il ’72 e il ’77, le quali vogliono costituire un utile comparazione e un racconto discorsivo all’interno dell’opera di questo maestro del cinema. Nell’appendice è presente anche una biografia del regista, che offre una collocazione storica di questi e delle sue opere.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Livio Liotta Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 914 click dal 01/02/2007.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.