Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo studio degli ingegneri Grassi e Brebbia a Saronno tra 1880 e 1915: le trasformazioni della città ed il ruolo dei tecnici del progetto

Questa tesi approfondisce lo studio realizzato dagli ingegneri Grassi e Brebbia a Saronno tra 1880 e 1915: le trasformazioni della città ed il ruolo dei tecnici del progetto.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 PREMESSA Tra gli obiettivi della ricerca, principalmente dedicata alle trasformazioni urbanistiche della città di Saronno, avvenute nel periodo compreso tra il 1860 (anche se tale termine, per alcuni casi, viene posticipato) ed il 1915, vi è anche quello di analizzare le attività svolte dalla categoria degli ingegneri, in modo particolare di quei professionisti operanti in ambito saronnese. Lo “spunto” per iniziare questo lavoro è stata la piena disponibilità dell’Archivio Brebbia, conservante documenti e disegni connessi all’attività degli ingegneri Giulio Grassi (1852-1918), Cesare Brebbia (1871-1936) ed Ugo Brebbia, in diversi periodi impegnati nello stesso studio tecnico saronnese. Attraverso il materiale documentario presente nell’archivio, oltre alla valutazione complessiva dei lavori svolti dai professionisti, in relazione al tema della ricerca, è stato anche possibile ricavare notizie intorno ad altri “operatori” del settore edilizio, spesso trascurati seppure assai attivi nei processi di trasformazione, quali, ad esempio, capimastri, fornitori di materiale da costruzione od altri professionisti e progettisti, anche di un certo rilievo, tra cui Cesare Saldini, Valentino Ravizza e Nino Sacerdoti. L’Archivio Brebbia si è inoltre rivelato uno strumento indispensabile (seppure con sguardo limitato) per conoscere la storia di Saronno e delle sue trasformazioni a partire dal 1880 (in un periodo cioè in cui la città vive i cambiamenti maggiori nel settore produttivo, sociale, urbanistico e territoriale), limitatamente alle attività edilizie e progettuali in questo campo. L’archivio permette inoltre (non rientra tra gli scopi di questa ricerca) di ottenere informazioni relative ad altri insediamenti vicini a Saronno, grazie all’attività lavorativa degli ingegneri Grassi e Brebbia. L’Archivio Brebbia (organizzato in cassetti, complessivamente circa 160, e fascicoli) consente perciò di “disegnare” un quadro abbastanza esaustivo delle problematiche legate allo sviluppo edilizio ed alle trasformazioni di Saronno e di altri paesi vicini. I disegni più “antichi” conservati nell’archivio risalgono al 1824, e si riferiscono alla divisione Dubini di Cermenate, mentre il documento più “antico” in assoluto è costituito da un “Istrumento di vendita” di alcuni beni del monastero di S. Vittore di Meda e risale al 1796. Si è ritenuto opportuno fornire alcuni cenni biografici su Giulio Grassi e Cesare Brebbia, vale a dire i titolari dello studio e gli intestatari dell’archivio,

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Alessandro Giuseppe Merlotti Contatta »

Composta da 766 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1607 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.