Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il posizionamento strategico dei servizi multimediali di informazione e comunicazione. Il case study Mediamobile Italia s.p.a.

L’attenzione verso il “posizionamento strategico dei servizi multimediali di informazione e comunicazione” nasce dalla consapevolezza, dettata dall’esperienza quotidiana, dell’importanza sempre maggiore che, al giorno d’oggi, tali servizi stanno assumendo nella vita di imprese e persone. Il primo capitolo tratta il tema del posizionamento. Si ripercorrono le tappe e i motivi della sua origine, per poi analizzare alcuni dei contributi più importanti presenti in letteratura, mettendo in evidenza come l’interesse che ruota attorno a questo concetto sia cresciuto notevolmente negli ultimi anni. Tuttavia, si fa anche notare come il termine sia spesso alterato rispetto al suo significato “originale”, mancando ancora una piena consapevolezza di ciò che il posizionamento strategico significhi e comporti nell’arena competitiva odierna. Nella parte centrale del capitolo si cerca di spiegare il concetto, attraverso la sua collocazione all’interno delle strategie di marketing. Nel secondo e nel terzo capitolo si affrontano, in ordine, il tema della multimedialità e quello dei servizi multimediali di informazione e comunicazione. Va detto che tali argomenti possono essere affrontati da differenti punti di vista; in questa sede, l’intenzione è di approfondire quelli che sono gli aspetti economico-aziendali dell’impatto delle nuove tecnologie e i cambiamenti che l’economia digitale ha comportato nel marketing e nell’approccio ai mercati globali. Nelle imprese “multimediali” e, di conseguenza, in quelle che offrono servizi multimediali di informazione e comunicazione, infatti, le novità avranno, prima di tutto, come conseguenza diretta, la modificazione del mercato. All’origine delle trasformazioni che hanno interessato il comparto multimediale e, al suo interno, il mercato dell’informazione e della comunicazione, si pongono alcune innovazioni fondamentali.
Si tratta di innovazioni tutte molto importanti, a cui vanno ricondotti i fenomeni della multimedialità e della convergenza tecnologica, ovvero della possibilità che più linguaggi di comunicazione siano veicolati dallo stesso medium, resa possibile dalla trasformazione dei segnali di trasmissione analogici in segnali digitali, che consentono di combinare più mezzi di comunicazione prima distinti (telefono, TV, PC, ecc.). Nel capitolo dedicato alla multimedialità, inoltre, si affrontano anche i principali temi giuridici, i problemi legati alla Qualità e le questioni relative alla nascita e allo sviluppo di nuove professionalità. Per quanto riguarda il capitolo sui servizi di informazione e comunicazione, invece, si prendono in esame i maggiori vincoli, da un lato, e le opportunità, dall’altro, collegati al fenomeno della Società dell’Informazione.
L’analisi, in particolare, tiene conto anche della componente economica e di fattibilità teorica dei vari servizi di comunicazione interattivi, al fine di evidenziare (nella sezione dedicata agli sviluppi futuri) la scala di diffusione potenziale e le applicazioni più reali rispetto alle esigenze del mercato. Entrambi i capitoli, infine, si concludono con una disamina relativa al posizionamento dei prodotti e dei servizi offerti dal mercato, in modo tale da mantenere un filo logico che colleghi tutti i capitoli della tesi. Nell’ultima parte della trattazione, infine, l’interesse è incentrato sull’analisi di un caso aziendale concreto, al quale si collegheranno tutte le tematiche discusse. L’azienda presa in esame è la Mediamobile Italia s.p.a., con sede a Napoli, la cui attività consiste nell’erogare servizi multimediali di informazione e comunicazione ai passeggeri a bordo di autobus pubblici e servizi avanzati alle imprese di mobilità. Si presenta l’azienda, descrivendone brevemente la storia e la missione, per poi approfondire le peculiarità dei servizi offerti; il discorso si focalizza, poi, sulla descrizione della scelta strategica di posizionamento dell’impresa e dei suoi prodotti, in modo da evidenziare se questa possa ritenersi la fonte principale del vantaggio competitivo, che consenta di ottenere il successo nel lungo periodo. Per finire, si elaborano alcune considerazioni personali sulle strategie adottate, allo scopo di prospettare possibili evoluzioni future e opportunità da cogliere. Le conclusioni della tesi sono tratte ripercorrendo le varie fasi della discussione e ricollegandone le fila, tenendo presente non solo l’apporto teorico studiato, ma anche l’esperienza maturata nella trattazione del caso aziendale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione. L’attenzione verso il “posizionamento strategico dei servizi multimediali di informazione e comunicazione” nasce dalla consapevolezza, dettata dall’esperienza quotidiana, dell’importanza sempre maggiore che, al giorno d’oggi, tali servizi stanno assumendo nella vita di imprese e persone. Dal punto di vista della struttura, per la redazione del presente lavoro è stata utilizzata la tecnica “a imbuto” (cfr. fig. 1), seguendo la quale il tema di discussione è stato affrontato dapprima nei caratteri generali, per poi scendere nei particolari. Fig. 1 – Schema redazionale dell’indagine. Cap. 1 Significato del posizionamento nell’evoluzione del marketing Cap. 2 Il mercato della multimedialità Cap. 3 Studi di posizionamento per i servizi multimediali di informazione e comunicazione Cap. 4 Il case study Mediamobile Italia s.p.a.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Liberato Vitiello Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2089 click dal 22/01/2007.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.