Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Legge 328/00 : 2 piani di zona a confronto

Il lavoro elaborato mette in rilievo le dinamiche attivate dalla legge 328 del 2000 e quindi un confronto tra due ambiti territoriali ( gruppi di comuni) che hanno effettuato la programmazione dei servizi sociali.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La legge 328 del 2000 rappresenta la più grande novità nel campo dei servizi sociali in Italia, essa presuppone la costruzione di un nuovo sistema in cui rientrano tutti gli attori, siano essi semplici cittadini o anche operatori impegnati nel sociale. La legge ingloba dentro di se una serie di cambiamenti nelle metodologie di gestione dei servizi sociali, ma anche la possibilità di stipulare accordi, convenzioni che permettono una programmazione partecipata degli attori sociali. Il sistema si costruisce sulla base di alcuni concetti chiave (sussidiarietà e integrazione) che permettono di avviare un processo di trasferimento delle funzioni dallo Stato alle regioni e da questi ai Comuni. Infatti attraverso il concetto di sussidiarietà si passa da un sistema centralizzato ad uno periferico in cui anche gli enti locali sono parte attiva. Il concetto di integrazione invece permette di evidenziare un sistema in cui la programmazione partecipata è il nucleo centrale, tutti gli attori impegnati nel sociale sono chiamati insieme ad essere promotori di nuove politiche che permettono di promuovere il benessere sociale . Il presente lavoro illustrerà in che modo si costruisce il sistema integrato dei servizi sociali, di quali elementi esso si compone e quali sono le fasi che lo caratterizzano.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Curigliano Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6871 click dal 19/12/2006.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.