Skip to content

Il teatro francese durante l'occupazione tedesca

Informazioni tesi

  Autore: Luisa Lazzarini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Margherita Amatulli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 303

[Dall'introduzione al volume]
Le analisi storiche del periodo della cosiddetta “occupazione tedesca” in Francia supportano generalmente l’idea di un’epoca di sofferenza, privazioni, prevaricazioni, prigionia, morte. Soffermarsi dunque su un aspetto “leggero” e ludico quale può essere il teatro – in quanto forma di intrattenimento e spettacolo – può sembrare fuori luogo e persino forzato. Il divertimento è – nell’immaginario collettivo – quanto di più distante si possa immaginare dalla guerra. Viene dunque da chiedersi quanto spazio, nel clima di conflitto globale della prima metà degli anni ’40 dello scorso secolo, possa essere stato riservato al teatro. Di fronte alle cronache che ribadiscono a più riprese la sua diffusione, che decantano il suo immenso fiorire, che ci raccontano di sale combles e di pubblico in fila davanti alle casse, non possiamo che interrogarci sul perché di tanta popolarità, dando per acquisiti i dati che ci confermano che l’enorme successo degli eredi di Molière e Racine non è solo frutto di un’allucinazione collettiva, ma il risultato di un meticoloso spoglio dei registri teatrali dell’epoca .

Perché la Francia occupata, e la domanda non sembri ingenua, ha ancora la voglia di sfidare il coprifuoco, le restrizioni, e ad un certo punto persino i bombardamenti, per assistere a uno spettacolo teatrale? Ma anche, perché ha ancora la possibilità di andare a teatro? Perché a una popolazione cui è stata imposta la presenza quotidiana dell’invasore e una vita regolata in ogni minimo aspetto da un sistema di razionamento progressivamente più oppressivo e vincolante, è stata concessa la libertà – persino futile, a un’analisi immediata – di potersi recare tranquillamente alla Comédie-Française o all’Hébertot? Perché ai direttori, drammaturghi, registi, attori, scenografi, costumisti è stata data la possibilità di continuare a lavorare?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Le analisi storiche del periodo della cosiddetta “occupazione tedesca” in Francia supportano generalmente l’idea di un’epoca di sofferenza, privazioni, prevaricazioni, prigionia, morte. Soffermarsi dunque su un aspetto “leggero” e ludico quale può essere il teatro – in quanto forma di intrattenimento e spettacolo – può sembrare fuori luogo e persino forzato. Il divertimento è – nell’immaginario collettivo – quanto di più distante si possa immaginare dalla guerra. Viene dunque da chiedersi quanto spazio, nel clima di conflitto globale della prima metà degli anni ‘40 dello scorso secolo, possa essere stato riservato al teatro. Di fronte alle cronache che ribadiscono a più riprese la sua diffusione, che decantano il suo immenso fiorire, che ci raccontano di salles combles e di pubblico in fila davanti alle casse, non possiamo che interrogarci sul perché di tanta popolarità, dando per acquisiti i dati che ci confermano che l’enorme successo degli eredi di Molière e Racine non è solo frutto di un’allucinazione collettiva, ma il risultato di un meticoloso spoglio dei registri teatrali dell’epoca 1 . 1 Cfr. S. Added, L’euphorie théâtrale dans Paris occupé in J.-P. Rioux (a cura di), La vie culturelle sous Vichy, Bruxelles, Complexe, 1990, pp. 316-350. 7

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

1940-1945
adtp
censura teatrale francese
censura teatrale tedesca
coes
collaborazionismo teatrale
cultura francese
cultura tedesca
eprazione artistica
jeune france
occupazione tedesca in francia
politica teatrale francese
politica teatrale tedesca
pubblico teatrale
seconda guerra mondiale
teatri nazionali
teatro
teatro d'occupazione
teatro di vichy
teatro francese

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi