Skip to content

Musica elettronica popolare: verso una ridefinizione dei linguaggi musicali di massa

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Parenti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Paolo Gozza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

L’oggetto di studio di questo lavoro sarà la musica elettronica d’ambito “popular” intesa come conseguenza estrema di un processo di graduale acculturazione delle tecnologie della registrazione. Per musica elettronica s’intende pertanto una musica la cui natura è direttamente legata alle tecnologie elettroniche di produzione e diffusione del suono. L’aggettivo popular indica la contiguità a un contesto di musiche riferibili al quadro di studi sulla popular music (o musica di consumo).
Se negli anni settanta, attraverso la diffusione commerciale dei sintetizzatori, alcune delle possibilità della musica elettronica fuoriescono dalle “nicchie avanguardiste” per essere integrate dalle band rock o da musicisti in cerca di nuove sonorità, negli anni ottanta e novanta la tecnologia digitale permetterà l’accesso alle grandi masse non solo di strumenti sempre più innovativi e di facile utilizzazione ma anche e soprattutto, grazie all’irruzione del personal computer, alle possibilità dello studio di registrazione. Il lavoro svolto in studio (che sia lo studio analogico vero e proprio o la sua riproduzione virtuale al pc) non si limita ad ottenere una riproduzione di una musica data ma diventa, attraverso la rielaborazione del materiale, un lavoro di composizione, o meglio, di “produzione elettronica di musica”. Di fatto, la digitalizzazione massiccia dei metodi di produzione musicale moltiplica e popolarizza l’uso di procedimenti sofisticati già esistenti negli studi di fonologia analogici degli anni cinquanta e sessanta. Le pratiche compositive adottate da buona parte di coloro alle prese col proprio computer si fondano oggi sugli stessi principi metodologici da una parte della musica concreta, vale a dire l’appropriazione di suoni e rumori pre-esistenti (indifferentemente dalla loro origine), la loro ripetizione, giustapposizione, sovrapposizione e dall’altra della musica elettronica propriamente detta, ossia la produzione di suoni e/o rumori attraverso la sintesi. Il fatto singolare è che la padronanza delle suddette pratiche non implica necessariamente una formazione musicale di tipo “classico”; in sostanza le tecnologie (in ultimo i moderni software musicali) permetteranno di comporre partendo direttamente dal suono indipendentemente dalla sua origine (naturale o sintetica). Secondo tale logica lo stesso “rumore” si presenta come una possibilità sonora tra le tante. L’atto compositivo si caratterizza allora per la simultaneità tra idea astratta e realizzazione avvicinandosi concettualmente alle pratiche di improvvisazione; ciò avviene attraverso l’ausilio di tecnologie come il sequencer nel quale un’interfaccia intuitiva sottoforma di griglia assume la funzione di partitura, una partitura interattiva, aperta a un'evoluzione continua. La naturalizzazione presso le giovani generazioni di questo approccio alla composizione ha dato così vita a svariati filoni e sottofiloni musicali caratterizzati da un generale abbandono dei parametri strutturanti storici della musica occidentale (come il dualismo melodia/armonia) e a al parallelo sviluppo di una nuova sensibilità timbrica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L’oggetto di studio di questo lavoro sarà la musica elettronica d’ambito “popular” intesa come conseguenza estrema di un processo di graduale acculturazione delle tecnologie della registrazione. Per musica elettronica s’intende pertanto una musica la cui natura è direttamente legata alle tecnologie elettroniche di produzione e diffusione del suono. L’aggettivo popular indica la contiguità a un contesto di musiche riferibili al quadro di studi sulla popular music (o musica di consumo). Se negli anni settanta, attraverso la diffusione commerciale dei sintetizzatori, alcune delle possibilità della musica elettronica fuoriescono dalle “nicchie avanguardiste” per essere integrate dalle band rock o da musicisti in cerca di nuove sonorità, negli anni ottanta e novanta la tecnologia digitale permetterà l’accesso alle grandi masse non solo di strumenti sempre più innovativi e di facile utilizzazione ma anche e soprattutto, grazie all’irruzione del personal computer, alle possibilità dello studio di registrazione. Il lavoro svolto in studio (che sia lo studio analogico vero e proprio o la sua riproduzione virtuale al pc) non si limita ad ottenere una riproduzione di una musica data ma diventa, attraverso la rielaborazione del materiale, un lavoro di composizione, o meglio, di “produzione elettronica di musica”. Di fatto, la digitalizzazione massiccia dei metodi di produzione musicale moltiplica e popolarizza l’uso di procedimenti sofisticati già esistenti negli studi di fonologia analogici degli anni cinquanta e sessanta. Le pratiche compositive adottate da buona parte di coloro alle prese col proprio computer si fondano oggi sugli stessi principi metodologici da una parte della musica concreta, vale a dire l’appropriazione di suoni e rumori pre-esistenti (indifferentemente dalla loro origine), la loro ripetizione, giustapposizione, sovrapposizione e dall’altra della musica elettronica propriamente detta, ossia la produzione di suoni e/o rumori attraverso la sintesi. Il fatto singolare è che la padronanza delle suddette pratiche non implica necessariamente una formazione musicale di tipo “classico”; in sostanza le tecnologie (in ultimo i moderni software musicali) permetteranno di comporre partendo direttamente dal suono indipendentemente dalla sua origine (naturale o sintetica). Secondo tale logica lo stesso “rumore” si presenta come una possibilità sonora tra le tante. L’atto compositivo si caratterizza allora per la simultaneità tra idea astratta e realizzazione avvicinandosi concettualmente alle pratiche di improvvisazione; ciò avviene attraverso l’ausilio di tecnologie come il sequencer nel quale un’interfaccia intuitiva sottoforma di griglia assume la funzione di partitura, una partitura interattiva, aperta a un'evoluzione continua. La naturalizzazione presso le giovani generazioni di questo approccio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dj
house
linguaggi musicali
musica
musica elettronica
musical
musicali
musiche
techno

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi