Skip to content

Professione riabilitatore equestre

Informazioni tesi

  Autore: Isabella Lilliu
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Adriana Luciano
Coautore: Mariotti Maurizio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

Le domande che mi ero posto all’inizio del mio studio nascevano dal tentare di capire che tipo di formazione era necessaria per occuparsi di Ippoterapia, quale preparazione di base era indicata, se l’Educatore poteva ritagliarsi un suo spazio in questo campo e quale Ente doveva fornire la formazione.
Sono giunto alla conclusione che L’Ippoterapista deve avere una visione multisciplinare della materia, caratterizzata da un’adeguata preparazione dal punto di vista neuro-fisiologico, da un’importante conoscenza delle problematiche relazionali, supportate da un’elevata prepazione psico-sociale.
Inoltre indispensabile una formazione di origine veterinaria arricchita da una preparazione specifica nel mondo equestre. Queste nozioni devono essere erogate attraverso una specializzazione .
L’Ente , che per le sue caratteristiche è più appropriato è l’Università perché capace di ricerca e di multidisciplinarietà.
In questo senso, è auspicabile che si venga a colmare il vuoto legislativo al fine di far decollare la specializzazione in Ippoterapia e, legittimando, gli sforzi di tutte quelle persone che stanno lavorando per perseguire questo risultato.
L’assenza di una precisa norma di riferimento favorisce il sorgere non solo di ipotetici corsi in Ippoterapia ma anche di tutta una serie di centri dove si fa della vera e propria terapia.
Peccato che molti operatori non abbiano una preparazione né di base né specialistica ma presentino tutta un’ampia gamma di possibilità di creare peggioramenti della sintomatologia e nei casi migliori di rendere del tutto inutile la terapia con il mezzo del cavallo.
Situazione quanto mai delicata soprattutto perché si tratta di una nuova terapia e quindi di una professione anch’essa nuova; è proprio questo suo essere ancora una professione marginale che rende impensabile poter entrare a far parte del mercato del lavoro senza una parallela attività di ricerca scientifica che la sviluppi.
Il laureato in Scienze dell’Educazione a pieno titolo, per via delle conoscenze acquisite durante il corso di laurea , può accedere ai corsi per Ippoterapisti, il suo apporto può risultare determinante alla luce di un tipo di lavoro sempre più rivolto all’azione di gruppo ed all’abbandono di vecchi ed inutili individualismi.
Valorizzare gli effetti terapeutici della R.E. significa avere i mezzi per convincere enti come le Regioni a sovvenzionare le strutture, fornire quindi le risorse per far nascere nuovi centri o ampliarne altri.
Cambiando la prospettiva, ma non poi di molto, tutto questo darebbe un nuovo impulso al mercato del lavoro nei confronti di questa professione.
Chi, solitamente viene formato all’interno dei centri di R.E., apre un’attività privata.
Molti lo fanno perché amano il mondo dei cavalli, perché hanno un cavallo loro stessi.
Questo tra l’altro è un gran vantaggio.
La difficoltà più grossa per i vari operatori sparsi sul territorio che lavorano privatamente è il costo del mantenimento del cavallo.
Se poi questo deve anche essere affittato diventa un problema.
E d’altronde la terapia non può avere un prezzo eccessivo.

Questo farebbe diminuire la domanda soprattutto di quella parte d’utenza che vede questa terapia come momento ricreativo, quindi non necessario.
Provocando la perdita di clienti.
II tipo di problema che io però reputo importante è un altro.
I C.R.E. con termine ricreativo ma nei fatti riabilitativo, sono tanti, sparsi sul territorio, non comunicanti tra loro tranne per chi è affiliato a qualche società come l’A.N.I.R.E. A parte i controlli di rispetto della legge 626 fatti dalle autorità competenti, chi controlla il tipo di azione terapeutica e i suoi effetti?
Ciò significa che devono essere assolutamente stabiliti i criteri per i diversi livelli di R.E. adattati alla diversa utenza. Quale scuola di pensiero avrà questo diritto-potere?
Tutti gli altri centri si dovranno adeguare? O chiudere?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Ho avuto la possibilità di affrontare un tirocinio di ricerca, per osservare la realtà italiana legata all'Ippoterapia ed in particolar modo alla figura professionale che esercita l'attività d'Ippoterapista. Dopo aver spiegato che cosa s'intende con il termine Ippoterapia, avere ripercorso le sue fasi storiche, che hanno portato alla nascita della professione dell'Ippoterapista, affronterò l'argomento della formazione di quest'operatore con un'attenzione particolare riguardo al ruolo dell'Educatore in questa situazione. Ruolo che guadagna a pieno titolo visto il tipo d'approccio dell'Ippoterapia in Italia. Analizzerò com'è concepita la formazione in Italia con le Scuole di riferimento. Ho colto il bisogno esistente tra gli operatori di creare ad'hoc una figura finalmente competente, che possa avere delle caratteristiche d'omogeneità, di multidisciplinarietà nel rispetto del proprio percorso culturale di base. Quindi la necessità di un corso di formazione costituito appositamente. Cercherò di rispondere alla domanda che mi sono posto, a riguardo di quale debbano essere le nozioni necessarie per intraprendere quest'attività. Cercherò di definire quali caratteristiche debba avere l'Ente di formazione e quali titoli di studio sono appropriati come punto di partenza per questa nuova figura professionale. L'Ippoterapista nasce come una figura esperta in equitazione, con alle spalle un bagaglio personale d'attività sportiva. Una competenza prevalentemente acquisita attraverso il contatto con il mondo Equestre. Operatori che da principio, si avvicinano all'utente affetto da varie patologie, senza avere una preparazione specifica e gli impartiscono i primi rudimenti equestri.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

a.n.i.r.e.
c.r.e.
capua
cavallo
codice deontologico
economia dell'istruzione e del capitale umano
educatore ippoterapista
handicap
ippoterapia
multipli nel senso di merton
pasquinelli
professionalizzazione
professioni emergenti
psicomotricista
riabilitativo
riabilitatore equestre
ricreativo
rieducatore equestre

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi