Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione out of store nelle imprese commerciali

Il lavoro si propone di mettere in evidenza i principali mezzi utilizzati dalle imprese commerciali per comunicare al di fuori del punto vendita, i contenuti comunicati, le diverse strategie scelte dalle aziende e gli eventuali scenari futuri in un contesto macro economico che ha fortemente infuenzato le scelte comunicazionali delle varie insegne.
L'analisi è stata effettuata attraverso ricerche dirette sul campo.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Quando si parla di comunicazione delle aziende si associa immediatamente la pubblicità all’industria, mentre la distribuzione è esclusivamente collegata alle promozioni; c’è addirittura chi pensa che l’advertising classica si una sorta di esclusiva per l’industria. In realtà non è così, poiché la distribuzione comunica molto ed utilizza moltissimi mezzi e strumenti che non si limitano alle semplici promozioni. Questo modo di pensare può essere spiegato dal fatto che in Italia la maggior parte della comunicazione che noi vediamo è realizzata dall’industria, mentre gli investimenti della distribuzione sono solo una piccola percentuale rispetto a quella delle aziende produttive. Nell’ultimo decennio però, le imprese commerciali sono aumentate nel nostro paese e sono entrate anche molte insegne straniere le quali hanno inasprito la concorrenza, portando ad un aumento delle iniziative di comunicazione, i cui contenuti sono variati nel tempo a seconda della situazione macroeconomica, delle esigenze del consumatore e dello sviluppo del settore distributivo. Le imprese commerciali, per comunicare con i propri clienti, utilizzano diversi mezzi che possono essere suddivisi in media in store e out of store a seconda che i messaggi vengano veicolati all’interno o all’esterno del punto vendita; in alcuni casi anche il punto vendita stesso può essere considerato un mezzo di comunicazione. Un’ulteriore classificazione può essere realizzata tra i mezzi classici ed i mezzi diretti: attraverso i primi è realizzata una comunicazione di massa, mentre con gli altri è possibile realizzare dei messaggi mirati a segmenti target o al singolo cliente. In questo lavoro analizzerò la comunicazione realizzata out of store, con l’obiettivo di far emergere quali sono i mezzi maggiormente utilizzati dalle insegne e soprattutto per capire quali sono i principali contenuti e messaggi che vengono veicolati e le strategie sfruttate attualmente. Cercherò inoltre di capire in che direzione sta andando la comunicazione e quali strade sceglieranno le insegne nel futuro. Il lavoro è svolto considerando principalmente la realtà italiana, ma in alcuni casi sono presi in riferimento anche degli esempi al di fuori della nostra penisola, con lo scopo di far capire a che punto siamo noi e a che punto sono alcune importanti realtà straniere nelle quali il settore distributivo è più avanzato. Il lavoro è suddiviso in quattro capitoli.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Silvia Fabbri Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1730 click dal 05/01/2007.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.