Skip to content

Ordo iuris, una categoria della storiografia giuridica

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Theodossiou
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Giurisprudenza
  Relatore: -- --
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

-----------------------------------------------------------------------------------
Copyright 2006 – Dr. Luigi Theodossiou
Tutti i diritti sono riservati. La registrazione, riproduzione, copia, distribuzione o comunicazione pubblica non autorizzate costituiscono violazione del copyright.
I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge e soggetti al pagamento dei danni.
-----------------------------------------------------------------------------------

La categoria “Ordo” è ricorrente nelle opere di numerosi storici del diritto, tra i quali: Paolo Grossi, Italo Birocchi e Antonio Manuel Hespanha. La nozione di ordine giuridico è ormai protagonista della storiografia giuridica medievale e per autori come il Birocchi, esso è uno schema utilizzabile ed adattabile ad un itinerario storico che dal Medioevo giunge sino alle codificazioni e alla cesura dovuta alla creazione di un nuovo ordine giuridico positivo in cui il codice è centrale.
Oggetto del mio studio è l’Ordo iuris come categoria adoperata dagli storici del diritto; è una tesi che si fonda su una riflessione di storia della storiografia dell’Ordine giuridico.
La categoria dell’ Ordo iuris è utilizzata come esplicativa ed esprimente la mentalità giuridica medievale ( Grossi 2002 ) e il suo immaginario politico ( Hespanha 1999), rappresentato dalla tanto fortunata quanto efficace metafora del corpo, in cui viene evidenziata l’armonia dei diversi corpi giuridici e sociali medievali, indipendenti ma coordinati dal e con il caput trascendente, il quale altro non è se non la divinità nomoteta della tradizione canonista, incontro delle dissonanze della vita medievale e creatore dell’armonia tramite l’ordine insito nelle cose che da esso promanano.
Nel redigere una tesi di storia della storiografia inerente all’Ordo iuris, ogni aspetto temporale e ciascuna trattazione di correnti storiche passano in secondo piano, poiché l’oggetto centrale del mio studio è la concezione che gli autori di cui mi sono occupato e che ho esaminato, hanno dell’ordine, e cerco di comprendere le ragioni del successo di tale categoria storiografica e della sua adozione per il periodo medievale e l’utilizzazione che ne fa il Birocchi nei periodi successivi, ricercando l’ordine dal cinquecento al novecento (Birocchi 2002).
E’ un lavoro di storia della storiografia del diritto e delle istituzioni, e tracciando l’evoluzione del diritto europeo dal Medioevo a oggi, intendo offrire una lettura della storiografia con lo sguardo della categoria dell’ordo. La metodologia della ricerca storica mira invece a delineare i fini della storia del diritto ed è la base per approfondire gli scritti che utilizzano una determinata categoria storiografica. I testi non devono essere letti e studiati tramite le categorie presenti e occorre recuperarne la logica originaria
Ogni studio e ricerca storica è basato o sulle fonti ovvero sulla storiografia o ancora su entrambe, ma nell’elaborare uno scritto che ha ad oggetto la storia della storiografia, questa ultima assurge alla dignità di fonte primaria e la visuale dell’Autore cambia poiché è concentrata non più sui fatti e sulla storia che dalle fonti promanano e nelle quali è possibile ricostruirle, e allontanandosi dallo storicismo ottocentesco, costruirle, bensì sugli scritti e sulle opere che gli storici hanno compiuto successivamente e su altri elaborati che su tali opere trovano il loro fondamento. La stesura di una tesi che indaga sulla categoria dell’Ordo iuris non può prescindere dal Medioevo, ma ha come fonti centrali, nel mio caso, autori che con quella categoria hanno edificato opere che oltrepassano i limiti medievali, come la mirabile opera del Birocchi, o ancora, studiosi che hanno assunto ad oggetto principale l’incandescente officina del diritto dell’Età di mezzo, come Grossi, il quale nell’Ordine giuridico intravede una perfetta categoria per interpretare un mondo in cui non è presente uno Stato moderno in posizione di preminenza rispetto agli altri corpi giuridici, e che il Calasso invece non riesce a cogliere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
LUIGI THEODOSSIOU, Ordo iuris, una categoria della storiografia giuridica, Catania, 2004 1 Introduzione La categoria “Ordo” è ricorrente nelle opere di numerosi storici del diritto, tra i quali: Paolo Grossi, Italo Birocchi e Antonio Manuel Hespanha. La nozione di ordine giuridico è ormai protagonista della storiografia giuridica medievale e per autori come il Birocchi, esso è uno schema utilizzabile ed adattabile ad un itinerario storico che dal Medioevo giunge sino alle codificazioni e alla cesura dovuta alla creazione di un nuovo ordine giuridico positivo in cui il codice è centrale. Oggetto del mio studio è l’Ordo iuris come categoria adoperata dagli storici del diritto; è una tesi che si fonda su una riflessione di storia della storiografia dell’Ordine giuridico. La categoria dell’ Ordo iuris è utilizzata come esplicativa ed esprimente la mentalità giuridica medievale ( Grossi 2002 ) e il suo immaginario politico ( Hespanha 1999), rappresentato dalla tanto fortunata quanto efficace metafora del corpo, in cui viene evidenziata l’armonia dei diversi corpi giuridici e sociali medievali, indipendenti ma coordinati dal e con il caput

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

categoria
diritto
fiuridica
giuridico ordine
grossi paolo
iuris ordo
medievale medioevale
medioevo
moderno
ordine giuridico
ordo iuris
paolo grossi
post-modernità
post-moderno
postmodernità
postmoderno
processo
ricerca
storia
storiografia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi