Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Pompei del '900: analisi antropologica del processo di patrimonializzazione di un centro storico del beneventano

Oggi più che mai, l’espressione “identità locale”, entrata a far parte del linguaggio comune, usata ed abusata dai mass media, assume un’inedita familiarità. Il suo crescente e diffuso utilizzo, la vede spesso e volentieri connessa alla creazione, alla costruzione, alla definizione di oggetti che, persa la funzione per cui sono concepiti o continuando a mantenerla, diventano beni culturali e cosi facendo si arricchiscono di un attributo inedito, quello di patrimonio, che sembra schiudere specifici e nuovi orizzonti d’appartenenza. Un’identità locale si definisce attraverso l’individuazione di un determinato spazio in senso fisico e di una determinata storia, di cui i beni culturali sono già o diventano l’incontestabile testimonianza. Uno spazio, interagendo con gli individui che vi risiedono, diventa parte di loro, elemento essenziale di riconoscimento e di distinzione rispetto agli altri spazi e agli altri individui, spazio in cui storia dei luoghi e dei soggetti che li popolano, creano una miscela unica, che solo quei luoghi e quei soggetti possono vantare di possedere.
Ed ecco come un qualsiasi spazio diventa un determinato “luogo antropologico”, luogo in cui e attraverso cui è lentamente plasmata l’identità locale, sia come spazio del vissuto quotidiano, identitario, relazionale e storico, sia come patrimonio che fissa mutevoli forme d’appartenenza e di relazione, sublimando il rapporto che i soggetti mantengono con essi.
I luoghi antropologici nascono, muoiono, mutano, sono dotati di un’intrinseca dinamicità, che diventa comprensibile allorché si prende in considerazione la comune storia che lega protagonisti e spazi dell’esistenza. La loro vita è in stretta dipendenza dal rapporto che mantengono con la capacità di definire l’identità del gruppo, che vi appartiene e a cui appartengono. Il processo attraverso il quale un semplice spazio si trasforma in un definito luogo antropologico, trova il suo senso nella storia dei luoghi e di chi inevitabilmente investe quello spazio di peculiari significati culturali, obbedendo ad un imperativo che sembra essere ascritto nella natura umana.
La definizione dei luoghi antropologici si adatta perfettamente a quelli che sono i cosiddetti “beni culturali”, anch’essi intesi come oggetti dotati degli stessi caratteri comuni, produttori e scenari di identità, relazioni e storia.
Un’attenta lettura dello spazio e della storia che gli conferisce senso, diventa la chiave per comprendere l’insieme delle pratiche collettive ed individuali e dei significati culturali che essi assumono in rapporto alla costruzione dell’identità locale e delle sue innumerevoli forme di definizione. L’organizzazione ed il modellamento di uno spazio da parte di un gruppo di individui, hanno inizio con l’occupazione fisica dello stesso e con una serie di graduali interventi, che lo rendono storicamente conforme all’identità del gruppo di cui esso diviene parte integrante. L’incontro fra sociale e spaziale non è semplicemente l’occupazione fisica o l’appropriazione giuridica di esso, ma un processo che ha a che fare con la partecipazione del gruppo ai processi di produzione, materiale e simbolica, con il suo orizzonte culturale, con la sua stratificazione sociale, con la sua storia, con la sua identità nel senso più ampio del termine. L’identità locale non può far a meno di un luogo antropologico, un luogo antropologico non può far a meno di un’identità locale. Questo connubio sui generis non è tanto solido quanto sembra. La sua fragilità viene fuori nel momento in cui un gruppo abbandona, coattamente o volontariamente, la sua dimora e da inizio all’appaesamento di un diverso spazio. Il processo di abbandono di un luogo è sempre seguito da un processo di rifondazione dello stesso. La rottura fra identità locale e luogo antropologico, pur generando notevoli trasformazioni e riadattamenti, non avviene mai in modo completo, la storia rimane il filo conduttore che li lega indissolubilmente, e su simile continuità gioca l’individuazione di riferimenti stabili, che nelle vesti di patrimonio si apprestano a divenire nuovamente luoghi antropologici e come tali non estranei alle stesse dinamiche e meccanismi che ne connotano il divenire e l’appropriazione.
Considerare il patrimonio un luogo antropologico, costituisce una strategia per introdurre le questioni relative ai processi di patrimonializzazione, anche essi in stretto rapporto con la produzione materiale e simbolica, con specifici orizzonti culturali, con stratificazioni sociali e rapporti di potere in cui, tuttavia, il locale si confronta, divergendo o convergendo, con il globale, dimensioni apparentemente cosi lontane ma in realtà molto vicine, o addirittura confuse, in simili processi.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREFAZIONE All’interno di uno stesso gruppo sociale, l’organizzazione dello spazio e la costituzione dei luoghi rappresentano una delle poste in gioco e una delle modalità delle pratiche collettive e individuali [….]. (i luoghi antropologici) sono tutti luoghi la cui analisi ha senso perché sono stati investiti di senso [….]. Questi luoghi hanno almeno tre caratteri comuni. Essi si vogliono (li si vuole) identitari, relazionali e storici. 1 MARC AUGÈ Oggi più che mai, l’espressione “identità locale”, entrata a far parte del linguaggio comune, usata ed abusata dai mass media, assume un’inedita familiarità. Il suo crescente e diffuso utilizzo, la vede spesso e volentieri connessa alla creazione, alla costruzione, alla definizione di oggetti che, persa la funzione per cui sono concepiti o continuando a mantenerla, diventano beni culturali e cosi facendo si arricchiscono di un attributo inedito, quello di patrimonio, che sembra schiudere specifici e nuovi orizzonti d’appartenenza. Un’identità locale si definisce attraverso l’individuazione di un determinato spazio in senso fisico e di una determinata storia, di cui i beni culturali sono già o diventano l’incontestabile testimonianza. Uno spazio, interagendo con gli individui che vi risiedono, diventa parte di loro, elemento essenziale di riconoscimento e di distinzione rispetto agli altri spazi e agli altri individui, spazio in cui storia dei luoghi e dei soggetti che li popolano, creano una miscela unica, che solo quei luoghi e quei soggetti possono vantare di possedere. Ed ecco come un qualsiasi spazio diventa un determinato “luogo antropologico”, luogo in cui e attraverso cui è lentamente plasmata l’identità locale, sia come spazio del vissuto quotidiano, identitario, relazionale e storico, sia come 1 Marc Augè Non luoghi, ed. Eleuthera 1993, Milano, pg. 51-52.

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Ennio Montenigro Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2051 click dal 10/01/2007.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.