Skip to content

Analisi economica dell' Open Source

Informazioni tesi

  Autore: Federico Brizi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Diego Lanzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 168

Questa tesi è disponibile nelle seguenti traduzioni:

Questo lavoro ha lo scopo analizzare il modello economico su cui si basa l’Open Source.

Il primo capitolo è comprensivo di una introduzione volta a chiarire tecnicamente la differenza esistente tra software proprietario e software Open Source. Si procede quindi all’analisi storica del movimento Open Source, cercando di mettere in luce le tappe più significative che hanno portato il software a sorgente aperta, un tempo rilegato a una stretta comunità di esperti, a essere apprezzato e utilizzato da utenti, organizzazioni e imprese.

Nel secondo capitolo si analizzano le caratteristiche organizzative dell’Open Source confrontandole con il modello tradizionale di sviluppo del software utilizzato dalle software house. Alcuni autori utilizzano in questo contesto le metafore della cattedrale e del bazar. Nella seconda parte del capitolo oltre descrivere in modo dettagliato i principali applicativi Open Source si effettua un confronto a livello qualitativo fra software proprietario e quello Open Source utilizzando determinati parametri di riferimento. L’elaborato mostra poi i risultati di una studio condotto nel 2004 dal centro di ricerca TeDIS (TEchnologies in Distributed Intelligence Systems), ente di ricerca della Venice International University, in merito al grado di penetrazione delle tecnologie Open Source nelle PMI italiane.

Il terzo capitolo affronta la teoria economica dell’Open Source in relazione a due argomenti fondamentali: la motivazione degli agenti, e le modalità con le quali avviene la competizione fra una software house e una impresa che sostanzialmente è una comunità che sviluppa prodotti Open Source. In particolare riguardo alla prima tematica si cercherà di capire dal punto di vista sociale, tecnico ed economico cosa spinga singoli soggetti e organizzazioni a partecipare a progetti Open Source. Successivamente in relazione alla seconda tematica si cercherà di comprendere attraverso due articoli, Van Wegberg e Berends (2000) e Lin (2004), come l’emersione di prodotti a sorgente aperta possa modificare le dinamiche competitive del mercato.

Il quarto capitolo infine traccia una chiara mappa atta a classificare i diversi tipi di licenza d’uso del software e, in particolare, si farà luce sulle principali caratteristiche delle licenze “OSI CERTIFIED”. Il capitolo si conclude analizzando quali sono state le scelte in termini di licenza che le imprese hanno dovuto effettuare aprendosi al software Open Source; in particolare viene approfondito il caso di Netscape che con la sua Mozilla Public Licence ha rappresentato un ottimo modello imitato dalle altre imprese.

N.B. : questa tesi è di tipo sperimentale e contiene traduzioni molto accurate da articoli scientifici scritti da esperti di tutto il mondo. Con questa tesi ho preso 7 punti!!!






CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il fenomeno del software libero/Open Source ha attirato l’attenzione di un pubblico relativamente vasto solo negli ultimi anni, sebbene le sue origini risalgano alla metà degli anni ’40, agli albori della scienza informatica. Il software, sviluppato in quel periodo esclusivamente da dipartimenti universitari e laboratori di ricerca di grandi imprese, era considerato un prodotto scientifico, come la matematica e la fisica, e come tale veniva trattato. Così come di un esperimento scientifico si distribuiscono le ipotesi, il procedimento e i risultati, del software si distribuivano l’analisi dei requisiti e il codice sorgente, in modo che tutti potessero valutarne i risultati. Non si trattava di una scelta politica, la libera distribuzione era frutto della constatazione che il software cresce in stabilità, prestazioni, funzionalità se può essere interamente compreso e modificato dai suoi utenti. Quindi in quel contesto così definito il grado di cooperazione tra i programmatori era massimo: se qualcuno stava lavorando ad un programma, chiunque poteva averne una copia per effettuare delle migliorie, oppure poteva utilizzare una parte del codice per implementare un suo software. Successivamente nei primi anni 80 con la diffusione degli strumenti informatici distribuiti, ovvero dei personal computer, il software crebbe rapidamente in possibilità di utilizzo interessando il modo commerciale che vide nei programmi un prodotto manifatturiero su cui esercitare un diritto di proprietà da proteggere con licenze d’uso. Il mercato in rapidissima crescita e ad altissimo reddito attirò le imprese che incominciarono a produrre software utilizzando un modello di vendita che ora viene considerato la norma: la concessione in uso dietro pagamento del solo eseguibile, mentre il codice sorgente è ritenuto “segreto industriale”. La non distribuzione del codice sorgente rendeva quindi il software non più “aperto” (Open Source), ma “chiuso” o proprietario (closed source) con la conseguenza che gli utenti non potevano più effettuare modifiche e renderle disponibili agli altri.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi