Skip to content

An Exploration of the Introduction of Warping to the Eigenfaces

Informazioni tesi

  Autore: Luca Sorbello
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: University of Leeds
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze dell'Informazione
  Relatore: David Hogg
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 54

The aim of this work is to provide a robust and reliable model of the face by exploring the benefits of the introduction of warping as a pre-processing technique to improve the result of the eigen faces statistical analysis. We prove the advantages of such an approach both from a theoretical and experimental perspective.
This model is based on all the previous works listed but it has a different approach to the problem of modelling the face space : on the theoretical side we try to eradicate the sources of noise and variance before performing the face analysis rather than trying to minimise them during the process. From the practical point of view
we introduce a complete modularity of the processes therefore we reduce the risk of side effects and correlation that might reduce the reliability of the results. Moreover we can add other pre-processing or post processing techniques to improve the results without affecting what we have already achieved.
The key issue is the eigen face as everything we studied and all this work has been done to improve the performance of this technique but we prove that this technique is a valid and reliable approach to the problem.
We approached both the shape variance and the lighting variance from a slightly different perspective to create a technique that is widely usable and can be adapted to any particular set of data by changing one of the two algorithms involved leaving the other one unaffected.
We have applied the "Douglas Smythe" ( 1990 ) algorithm to warp a training set of 21 colour images as a pre-processing technique of the eigen-faces analysis.
This approach is motivated by the intrinsic nature of the eigen-faces where all the important features of the faces are supposed to be aligned. In real life this is quite unlikely to happen and the result is blurred. But, if we apply a warping technique to all the images of our training set and we warp them to any arbitrary image, within this set, before performing the eigen faces; the images will have exactly the same features in the same spatial coordinates. This should dramatically improve the performance of the eigen technique.
Moreover we have a set of landmarks and offsets that can be used to perform a statistical analysis to describe how these point vary in our training set that describes the spatial variance of the main features of the faces in the training set we use. The applications are various: we can use this program as a platform to achieve image recognition or to create a large number of new faces from the training set or we can use it to add and remove facial expressions, locate a face in an image and to achieve a more "natural" animation

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. INTRODUCTION The face has always played an important role in any society. Every human can easily detect, recognise and memorise thousands of different faces. This skill is robust enough to allow us to perform those tasks without being affected by radical changes in the viewing condition or variations in the gender, age, race or geometric orientation of the face. We can also perform accurate analysis and find analogies in those faces without a big effort to guess the age of a face or its expression. It would be remarkably useful if we could perform some of those tasks using a computer system but, unfortunately, the face is quite a complex object to model and to work with. There are two different approaches to the problem: a natural one and a synthetic one The natural approach uses a certain number of faces images to find a certain amount of variations through the face space and will create some sort of prototype face based on the physical appearance of the faces. This is usually obtained by performing some statistical analysis. The synthetic approach tries to model the face by deducing some mathematical functions that can approximate it. Usually, as it s almost impossible to find such a global function, the task is performed by splitting the face space in a collection of simpler spaces such as the nose, the cheeks, the eyes etc. and trying to find suitable functions to describe these easier problems and to synthesise those features. I have called it synthetic because it usually loses the richness of the grey level information associated with a real image in order to find a codable function. These approaches can be naturally used in a 2-D space and in a 3-D one. The 3-D approach is more natural as the face is located in a 3-D space but it is a complex task to model a face object in this space. There are different methods to cope with this complexity but they have a high computational cost to achieve a result that usually is not robust. They tend to use the synthetic approach as the cost of a complex statistical analysis in a 3-D world is not computationally feasible. The 2-D approach might look like a reduction of the problem but it is more attractive for its reduced computational cost and the result we obtain is not affected by this flattening in a 2-D space as the analysis in Psychophysics shows that our perception of the face is projected in a 2-D space in our mind. The modelling can also be obtained more straight forward making the development of a successful technique much more intuitive.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

computer vision
eigenfaces
warping

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi