Skip to content

Ballo a casa Ziegler. Le canzoni in funzione narrativa in Eyes Wide Shut di Stanley Kubrick

Informazioni tesi

  Autore: Massimiliano Coppola
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Scienze per la comunicazione internazionale
  Relatore: Rosario Lizzio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 45

Stanley Kubrick è stato, senza ombra di dubbio, uno dei più grandi cineasti della storia del cinema; Vincent lo Brutto lo definisce “un narratore cinematografico con una visione costante e un controllo totale delle miriadi di dettagli che il fare cinema richiede ”. Analizzando la sua opera risulta evidente la cura che il regista ama avere per “le miriadi di dettagli” ed, in particolare, l’importanza (spesso centrale) che egli attribuisce alla musica, seconda, forse, solo a quella riservata alla messa in scena e a quel “fotografare la fotografia della realtà ” che caratterizza tutto il cinema di Kubrick.
Diversi autori si sono cimentati nell’analizzare l’utilizzo della musica nella cinematografia kubrickiana, tuttavia questi studi si sono sempre concentrati sugli aspetti musicali più “colti” o più rappresentativi di quella ironia antifrastica che viene universalmente riconosciuta alla musica in Kubrick. Perfino Sergio Bassetti, nel suo approfondito saggio “La musica secondo Kubrick” si limita ad associare quelli che lui definisce “una ridda di motivi di danza e alcuni brani mediati dalla cultura pop ” (riferendosi ai motivi oggetto dello studio di questa tesi) a meccanismi antifrastici o ironici, e, pur intuendo che “in Eyes Wide Shut il meccanismo dell’antifrasi viene attuato più che altrove attraverso l’elemento verbale-musicale, ovvero titoli e testi delle canzoni ”, egli non si inoltra in un’analisi dei testi che aiuterebbe a comprendere quello che lui definisce “le implicazioni allusive, ironiche o antinomiche ”, implicazioni che, a mio parere, seppur all’apparenza retoriche (nel senso di Bassetti), risultano a volte didascaliche dell’immagine che la messa in scena kubrickiana ci mostra in quel preciso momento, dimostrando ancora una volta la capacità eccezionale di Kubrick di saper armonizzare “le miriadi di dettagli” in uno splendido “collage ” tanto uniforme da rendere quasi inscindibili (ed irriconoscibili) le singole parti costitutive.
Scopo di questa tesi è quindi quello di approfondire uno dei tanti aspetti che gli studi ufficiali hanno ritenuto di poco conto o del tutto ignorato. Attraverso l’analisi dei diciotto minuti a casa Ziegler si cercherà di capire come Kubrick nell’utilizzare “una ridda di motivi di danza e alcuni brani mediati dalla cultura pop” vada ben oltre l’antifrasi applicata ad un titolo, e riesca ad attribuire un significato altro alla musica grazie alle immagini e alle immagini grazie alla musica, il tutto con un’armonia ed un’omogeneità che è propria dei grandi cineasti.

Mi permetto una piccola digressione per citare almeno un ulteriore aspetto, a mio avviso, mal approfondito dagli studi ufficiali, che riguarda la traduzione, o meglio l’interpretazione data al titolo “Eyes Wide Shut”. Generalmente il senso dato a questo titolo, in maniera troppo univoca, è quello di occhi aperti chiusi o nel sempre attento e acuto Gianni Canova “apertichiusi” (quindi né aperti né chiusi), da questa interpretazione si è preso spunto per analizzare diverse tematiche del film (il doppio, il confine sogno realtà, ecc.) indubbiamente rilevanti e presenti. Stranamente, però, nessuno ha mai riflettuto sul fatto che Wide significa ampio, e non aperto. Sebbene questa parola venga spesso usata con open (aperto) nell’espressione wide open (spalancato ma anche sconfinato, pensiamo a “Into the great wide open” di Tom Petty), essa non è sinonimo di aperto. L’espressione “Eyes Wide Shut” potrebbe quindi riferirsi non a degli occhi aperti chiusi ma a degli occhi sconfinatamene chiusi ( wide verrebbe usato qui in maniera antifrasica/antinomica), chiusi, quindi su tutto, incapaci di vedere e percepire la vera realtà ed i veri valori, incapaci perfino di vedere, accettare e capire se stessi e gli altri, sconfinatamene chiusi, espressione ultima del pessimismo che Kubrick nutriva nei confronti dell’uomo (condannato ad essere schiavo della sua natura animale e quindi sconfinatamene chiuso alla vera civiltà).
Scriveva Bernando Bertolucci ne Il Tempo del 9 marzo 1999 :

“ …Ammiravo enormemente la limpidezza dello sguardo di questo grande visionario, una limpidezza lucida e spietata, però a questa grande ammirazione non ha mai corrisposto un amore….forse perché non ho mai avuto, guardando i suoi film, la sensazione che Kubrick amasse l’umanità…lo ammiravo perché era un grandissimo cineasta; la sua visione, la sua lente era unica ed inesorabile, come se mettesse tutto eccessivamente a fuoco, ma è come se avessi sempre visto i suoi film dietro una specie di muro di vetro”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Stanley Kubrick è stato, senza ombra di dubbio, uno dei più grandi cineasti della storia del cinema; Vincent lo Brutto lo definisce “un narratore cinematografico con una visione costante e un controllo totale delle miriadi di dettagli che il fare cinema richiede 1 ”. Analizzando la sua opera risulta evidente la cura che il regista ama avere per “le miriadi di dettagli” ed, in particolare, l’importanza (spesso centrale) che egli attribuisce alla musica, seconda, forse, solo a quella riservata alla messa in scena e a quel “fotografare la fotografia della realtà 2 ” che caratterizza tutto il cinema di Kubrick. Diversi autori si sono cimentati nell’analizzare l’utilizzo della musica nella cinematografia kubrickiana, tuttavia questi studi si sono sempre concentrati sugli aspetti musicali più “colti” o più rappresentativi di quella ironia antifrastica che viene universalmente riconosciuta alla musica in Kubrick. Perfino Sergio Bassetti, nel suo approfondito saggio “La musica secondo Kubrick” si limita ad associare quelli che lui definisce “una ridda di motivi di danza e alcuni 1 Vincent Lo Brutto “Stanley Kubrick L’Uomo Dietro La Leggenda” Ed. Il Castoro 1999 p. 9 2 Estratto (minuto 94) dal DVD Stanley Kubrick: A Life in Pictures, prodotto e diretto da Jan Harlan per la Warner Bros. Citato in Flavio De Bernardinis “L’immagine secondo Kubrick” Ed. Lindau 2003 p. 9

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

canzone
chion
chris isaak
ciment
cinema
eyes wide shut
generi
gian piero brunetta
musica
narrativa
sergio bassetti
stanley kubrick
tom cruise
vincent lo brutto
ziegler

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi