Skip to content

L'Edificio e l'ambiente: tecniche innovative per il monitoraggio indoor e outdoor e per la definizione delle caratteristiche termofisiche di componenti edilizi

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Giaconia
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Ingegneria Civile della Sicurezza e del Controllo Strutturale ed Ambientale
Anno: 2005
Docente/Relatore: Giuseppe Cannistraro
Istituito da: Università degli Studi di Messina
Dipartimento: Dipartimento Ingegneria Civile D.I.C.
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

Con lo sviluppo della tecnologia e l’introduzione dell’elettronica negli oggetti di uso quotidiano, è invalsa l’abitudine di attribuire l’aggettivo “intelligente” a molte attività, processi e perfino agli oggetti stessi: diciamo per esempio che una macchina fotografica è “intelligente” perché è capace di scattare fotografie in situazioni difficili dove occorrerebbe invece l’esperienza di un fotografo professionista. Oggigiorno si possono trovare in letteratura riferimenti ad un intero edificio cosiddetto “intelligente”.
Il termine “edificio intelligente” è stato usato per la prima volta negli USA all’inizio degli anni ‘80; la definizione che diede l’Intelligent Building Institution di Washington è la seguente: “An intelligent building is one which integrates various system to effectively manage resources in a coordinated mode to maximise tecnical performances, investment and operating cost savings, flexibility”.
Il concetto di edificio intelligente è dunque più ampio di quello che si riferisce ad un edificio capace di rispondere in maniera autonoma ad input di base quali l'intrusione, l'innalzamento o abbassamento di temperatura in uno o più ambienti, la presenza di gas nocivi.
Le possibilità offerte da un mercato che produce elaboratori elettronici sempre più piccoli e potenti e sensori/trasduttori integrati capaci di comunicare con i sistemi computerizzati, fanno intravedere la possibilità di giungere ad un edificio che più che “intelligente” sia piuttosto “conscio” dei suoi rapporti energetici con il mondo esterno.
L'edificio “energy conscious” potrebbe essere dotato al suo interno dei più svariati sensori di grandezze fisiche senza eccessive complicazioni di impianto o enormi masse di fili da gestire.
Gli obiettivi di una ricerca sull'edificio intelligente potrebbero essere così sintetizzati:
• identificare e fornire all'elaboratore destinato a gestire la serie più idonea di dati di base sulla posizione topografica dell'edificio i dati istantanei delle grandezze meteoclimatiche esterne e di qualità dell’aria;
• definire il comportamento termico dell’edificio in regime vario, tramite la creazione di un modello matematico dell’edificio che possa essere utilizzato in tempo reale per ricavare la risposta dell’edificio alle sollecitazioni esterne. Per essere utile ed efficace questo modello deve essere costruito in base alla conoscenza approfondita delle caratteristiche termofisiche dei componenti di base.
• schedulare il comportamento degli occupanti dell'edificio e le loro abitudini non escludendo la possibilità di autoapprendimento da parte del sistema;
• identificare gli algoritmi che possano consentire all'unità centrale, in correlazione con i dati posseduti, di determinare le migliori condizioni per gli occupanti (OLF, Decipol, PMV, PDD, assuefazione, noise annoyance, variazioni fisiologicamente gradevoli della luce naturale/artificiale);
• tenere conto delle necessità di comunicare all'utente le situazioni anomale o di allarme mediante sistemi remoti basati, ad esempio, sulla rete di comunicazione GSM (dal semplice SMS al collegamento audio e video su Internet).
La presente Tesi si propone dunque di illustrare, tramite alcuni casi-studio, alcune soluzioni originali che riguardano i seguenti aspetti:
1) Determinazione delle caratteristiche microclimatiche a piccola scala nell’intorno dell’edificio
2) Determinazione delle grandezze microclimatiche e di qualità dell’aria all’interno dell’edificio
3) Determinazione delle caratteristiche dei componenti dell’edificio
Verrà descritta una nuova tecnica di monitoraggio delle condizioni climatiche a piccola scala mediante apparecchiature di rilevazione montate su mezzi in movimento, saranno illustrate due metodologie innovative di rilevazione delle grandezze termoigrometriche e di IAQ in un edificio storico e su una “smart window” di un edificio a basso consumo energetico e verranno riportati i risultati dell’applicazione sperimentale di una metodologia generale per la determinazione delle caratteristiche termofisiche di componenti edilizi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Con lo sviluppo della tecnologia e l’introduzione dell’elettronica negli oggetti di uso quotidiano, è invalsa l’abitudine di attribuire l’aggettivo “intelligente” a molte attività, processi e perfino agli oggetti stessi: diciamo per esempio che una macchina fotografica è “intelligente” perché è capace di scattare fotografie in situazioni difficili dove occorrerebbe invece l’esperienza di un fotografo professionista. Oggigiorno si possono trovare in letteratura riferimenti ad un intero edificio cosiddetto “intelligente”. Il termine “edificio intelligente” è stato usato per la prima volta negli USA all’inizio degli anni ‘80; la definizione che diede l’Intelligent Building Institution di Washington è la seguente: “An intelligent building is one which integrates various system to effectively manage resources in a coordinated mode to maximise tecnical performances, investment and operating cost savings, flexibility”. Il concetto di edificio intelligente è dunque più ampio di quello che si riferisce ad un edificio capace di rispondere in maniera autonoma ad input di base quali l'intrusione, l'innalzamento o abbassamento di temperatura in uno o più ambienti, la presenza di gas nocivi. Le possibilità offerte da un mercato che produce elaboratori elettronici sempre più piccoli e potenti e sensori/trasduttori integrati capaci di comunicare con i sistemi computerizzati, fanno intravedere la possibilità di giungere ad un edificio che più che “intelligente” sia piuttosto “conscio” dei suoi rapporti energetici con il mondo esterno. L'edificio “energy conscious” potrebbe essere dotato al suo interno dei più svariati sensori di grandezze fisiche senza eccessive complicazioni di impianto o enormi masse di fili da gestire. Gli obiettivi di una ricerca sull'edificio intelligente potrebbero essere così sintetizzati: • identificare e fornire all'elaboratore destinato a gestire la serie più idonea di dati di base sulla posizione topografica dell'edificio i dati istantanei delle grandezze meteoclimatiche esterne e di qualità dell’aria; • definire il comportamento termico dell’edificio in regime vario, tramite la creazione di un modello matematico dell’edificio che possa essere utilizzato in tempo reale per ricavare la risposta dell’edificio alle sollecitazioni esterne. Per essere utile ed efficace questo modello deve essere costruito in base alla conoscenza approfondita delle caratteristiche termofisiche dei componenti di base. • schedulare il comportamento degli occupanti dell'edificio e le loro abitudini non escludendo la possibilità di autoapprendimento da parte del sistema; • identificare gli algoritmi che possano consentire all'unità centrale, in correlazione con i dati posseduti, di determinare le migliori condizioni per gli occupanti (OLF, Decipol, PMV, i

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bbbm
caratteristiche termofisiche
componenti edilizi
demo building
edificio intelligente
frigorifero termoelettrico
iaq
ibutton
monitoraggio indoor
monitoraggio outdoor
qualità dell'aria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi