Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La competitività dell'Italia nei settori maturi

La tesi si apre con una panoramica sul modello industriale distrettuale italiano, le sue caratteristiche e il suo posizionamento a livello internazionale. L'analisi continua mostrando la competitività delle nostre produzioni tipiche nel commercio internazionale e in particolare nei confronti della gigante asiatico (Cina). I processi globalizzativi in atto oltre a costituire la base per un allargamento mondiale del commercio tra i paesi, contribuisce in maniera determinante alla rilocalizzazione produttiva e commerciale del nostro Paese. L'Italia e le sue produzioni tipiche del "Made in Italy" stanno mostrando proprio in questi anni evidenti difficoltà nel mantenere le proprie quote di mercato sui mercati europei e mondiali. Nella seconda parte della tesi viene messa in eveidenza l'importanza che l'innovazione ha nell'implementazione di nuove strategie produttive e di internazionalizzazione delle imprese. L'innovazione unita alla ricerca costituisce la base per quelle imprese che vogliono ritrovare competitività e diversifcare le proprie produzioni. In conclusione vedremo quali possono essere le strategie e/o gli strumenti a disposizione delle nostre PMI allo scopo di una magigore apertura internazionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Dalla grave crisi economica mondiale del 2001 l’economia italiana sta attraversando un periodo di difficoltà a livello economico e commerciale. La bilancia commerciale italiana ha fatto registrare nel 2004 il primo saldo negativo dopo un decennio di positività, tale situazione è in gran parte dovuta ad una flessione delle esportazioni (soprattutto in volume) a cui si è contrapposta invece un’impennata delle importazioni con l’erosione a poco a poco dei margini di positività. Tuttavia è importante sottolineare che tale situazione potrebbe essere ancora più grave non considerando il fatto che attualmente un cambio euro/dollaro così “alto” rende le nostre importazioni e i nostri approvvigionamenti meno costosi. Il 2006 è iniziato in maniera alquanto positiva, il contributo dell’aumento delle esportazioni sulla ripresa dell’economia italiana è stato determinante. Questa inversione di tendenza rispetto agli ultimi anni potrebbe in qualche modo dipendere dal fatto che i nostri imprenditori, le nostre imprese e più in generale gli operatori economici stiano manifestando una chiara intenzione nel procedere ad una riorganizzazione delle strutture produttive al fine di sfruttare i vantaggi comparati del nostro paese rispetto agli altri, rivedendo anche i propri livelli di specializzazione produttiva. Occorre considerare che la strada verso una completa “rinascita” dell’economia del nostro paese è lunga e che i fattori che hanno caratterizzato questa fase di difficoltà in gran parte resteranno tali anche nel prossimo futuro. Tra le cause di questo rallentamento è importante ricordare l’aumento del prezzo delle risorse energetiche (in primis il petrolio) che ha fatto aumentare in termini di valore le nostre importazioni, e in misura ancora maggiore la fase recessiva che la Germania (nostro principale partner commerciale) sta ora attraversando pur non dimenticando la sempre maggior presenza di prodotti asiatici (in testa i beni provenienti dalla Cina) sui mercati europei. L’attenzione ora rivolta dalla Germania verso i beni cinesi più a buon mercato ha fatto crollare l’export italiano verso questo paese. Infatti in questi anni la Cina si sta affermando come nostro principale concorrente nelle produzioni a basso valore aggiunto dei cosiddetti settori tradizionali o del Made in Italy come si usa definirli, che sono i settori di punta delle nostre esportazioni. Il 2006 si è aperto nel segno di una rinnovata fiducia in tutte le componenti del sistema economico, testimoniata dalle numerose “missioni” commerciali all’estero (in Cina e altri Paesi emergenti) promosse dagli enti istituzionali con il coinvolgimento diretto delle imprese e degli imprenditori. L’obiettivo è quello di instaurare nuovi rapporti di partnerariato a tutti i livelli tra operatori italiani e stranieri nel segno della

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Crespan Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2735 click dal 15/01/2007.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.